La Gioconda non si sposterà dal Louvre: la decisione del direttore del museo parigino


Il direttore del Louvre Jean-Luc Martinez ha affermato con fermezza la sua decisione di non far partire la Gioconda dal celebre museo parigino.

Di fronte all’intenzione, annunciata all’inizio del nuovo anno, del ministro della Cultura francese Françoise Nyssen di far viaggiare la Gioconda per esporla di museo in museo a favore di una lotta alla segregazione culturale, si sono scatenati polemiche e dibattiti.

La decisione finale è giunta dal direttore del Louvre Jean-Luc Martinez, che ha avanzato con fermezza la sua posizione: il celebre dipinto di Leonardo da Vinci non si sposterà dal museo parigino che lo accoglie da tempo.

L’opera è così delicata che è impossibile solamente pensare di spostarla da un piano all’altro del museo. E ancora più impensabile trasferirla da un museo all’altro. Secondo Martinez, spostare la Gioconda “potrebbe causare danni irreversibili”.

Il dipinto inoltre non prenderà parte alla mostra del Louvre dedicata a Leonardo che si terrà nel 2019 in occasione del 500° anniversario della scomparsa del grande artista.

Dal 2005 il capolavoro è conservato in una teca a temperatura controllata con vetro antiproiettile: un ambiente estremamente controllato. Un trasporto che rispetti queste condizioni sarebbe molto complicato e rischioso: nel 2006 un’analisi ha rivelato una crepa nel pannello di legno e una variazione di temperatura potrebbe causare l’irreparabile.

Immagine: Leonardo da Vinci, La Gioconda (1503-1513; olio su tavola, 77 x 53 cm; Parigi, Louvre)

 

La Gioconda non si sposterà dal Louvre: la decisione del direttore del museo parigino
La Gioconda non si sposterà dal Louvre: la decisione del direttore del museo parigino


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER