Concorso MiBACT, arrivate 209.729 domande per i 1.052 posti da assistenti alla vigilanza


Sono state 209.729 le domande per il concorso da 1.052 assistenti alla fruizione del MiBAC. Lo apprende Finestre sull’Arte da fonti Ripam-Formez.

Sono ben 209.729 le domande arrivate alla commissione interministeriale Ripam per il concorso del Ministero dei Beni Culturali che mette a bando 1.052 posti da assistenti alla fruizione, accoglienza e vigilanza. Finestre sull’Arte lo ha appreso oggi da fonti di Ripam-Formez.

Significa, detto in altri termini, che per ogni posto messo a concorso ci sono circa 209 candidati che se lo contendono. La scadenza per le domande era alla mezzanotte di ieri: sono dunque decine di migliaia le richieste, ma già nelle settimane scorse si era avuta l’avvisaglia che la partecipazione fosse altissima dal fatto che il manuale di preparazione al concorso pubblicato da una casa editrice specializzata è stato (ed è ancora al momento in cui scriviamo) il secondo libro più venduto nelle classifiche di Amazon Italia, dopo il romanzo di Giulia De Lellis, ex partecipante del Grande Fratello e personaggio televisivo.

Nei prossimi giorni verranno comunicate le date delle prove preselettive, che si terranno a Roma e si presume prenderanno un po’ di tempo dal momento che occorrerà sfoltire più di duecentomila candidati.

Vuoi ricevere tutti gli aggiornamenti di Finestre sull’Arte? Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter!

Concorso MiBACT, arrivate 209.729 domande per i 1.052 posti da assistenti alla vigilanza
Concorso MiBACT, arrivate 209.729 domande per i 1.052 posti da assistenti alla vigilanza


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER