Argentina legalizza l'aborto. La street artist Laika celebra la svolta storica


Svolta storica per l’Argentina: dal 30 dicembre legalizza l’aborto. La street artist Laika celebra l’evento con la sua nuova opera. 

A Roma, in via Torino, davanti all’ambasciata argentina, è comparsa la sera del 30 dicembre l’ultima opera della street artist Laika. Con il titolo Es Ley!, il poster intende celebrare la legalizzazione dell’aborto in Argentina. Una svolta storica per il paese dell’America Latina: il Senato ha approvato la legge sull’interruzione di gravidanza, finora ammessa solo in caso di stupro o di pericolo di vita. Dal 30 dicembre, l’Argentina, dopo Uruguay e Guyana (in America latina, solo in questi tre paesi l’aborto è consentito) consente alle donne di scegliere

L’opera di Laika è una reinterpretazione del famoso poster We can do it! risalente alla Seconda Guerra Mondiale. 

“Finalmente in Argentina una battaglia lunga decenni giunge a compimento” dichiara Laika, “ma c’é ancora moltissima strada da fare in tutto il mondo. Solamente sessanta paesi permettono l’accesso libero e legale all’aborto; solo il 37% delle donne in età fertile vive in paesi in cui l’aborto è permesso senza divieti. Oggi si festeggia questo importante traguardo per ripartire ancora più forti domani con la speranza questo vento di cambiamento soffi su tutto il Sudamerica”. 

Ph.Credit Laika

Argentina legalizza l'aborto. La street artist Laika celebra la svolta storica
Argentina legalizza l'aborto. La street artist Laika celebra la svolta storica


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma