Siamo anche su Telegram! Ti diamo 3 motivi per cui devi seguirci anche lì


Finestre sull’Arte sbarca su Telegram. Tre buoni motivi per seguirci sul nostro canale.

Da alcune ore, Finestre sull’Arte è sbarcata su Telegram, aprendo il canale @finestresullarte. Per iscriverti, devi semplicemente cliccare su questo link: si aprirà l’applicazione e potrai decidere di diventare membro del nostro canale.

Perché seguirci su Telegram? Domanda legittima, dal momento che sono diversi i mezzi con i quali arriva la nostra informazione. Ti diamo ben tre motivi.

1. Non ti perderai neanche un aggiornamento
Su altri social il flusso d’informazioni è molto dispersivo. Su Telegram invece hai un continuo filo diretto con noi, le notifiche ti consentiranno di non perdere neanche una singola notizia pubblicata sul nostro sito, che arriverà direttamente sul tuo cellulare pochi minuti dopo la sua pubblicazione.

2. Siamo noi che veniamo da te
Seguirci su Telegram è facilissimo. Basta iscriversi al canale! Dopodiché per ogni notizia pubblicata arriverà una notifica e sarà sufficiente cliccare sul link per leggerla. Non serve collegarsi al canale è cercare... siamo noi che veniamo da te!

3. Solo ed esclusivamente notizie
Telegram è perfetto per concentrarsi: nel canale nessuna discussione, ma solo notizie e opere d’arte. Ogni giorno, con la consueta qualità targata Finestre sull’Arte.

Non aspettare oltre allora: clicca qui e iscriviti subito, l’iscrizione è gratis e ti consente di avere Finestre sull’Arte sempre con te!

Siamo anche su Telegram! Ti diamo 3 motivi per cui devi seguirci anche lì
Siamo anche su Telegram! Ti diamo 3 motivi per cui devi seguirci anche lì


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER