Firenze, attivisti imbrattano facciata di Palazzo Vecchio. Bloccati da vigili e sindaco


A Firenze due attivisti stamani hanno imbrattato con vernice spray la facciata di Palazzo Vecchio. Sono stati subito bloccati da due vigili e dal sindaco Nardella, presente in piazza della Signoria per un sopralluogo, che con un gesto atletico immortalato da un video si è scagliato contro uno dei due vandali.

Mattinata concitata in piazza della Signoria a Firenze, dove due attivisti ecologisti hanno imbrattato con vernice spray arancione la facciata di Palazzo Vecchio. Sono stati immediatamente bloccati da due vigili urbani e... dallo stesso sindaco Dario Nardella, presente in quel momento in piazza per un sopralluogo ai cantieri di restauro delle statue dell’Arengario: in un video diffuso dal TG3 regionale lo si vede scavalcare le siepi davanti al Palazzo con un gesto atletico e scagliarsi contro uno dei due vandali.

Durante l’azione i due imbrattatori sono stati fischiati e insultati dalle persone presenti al momento in piazza. Fortunatamente in piazza erano già presenti alcuni restauratori dotati di idranti (servivano per i restauri in corso), che sono subito intervenuti a bagnare i conci di Palazzo Vecchio per non far penetrare la vernice spruzzata dagli attivisti. Anche il sindaco, armato di spazzola, ha dato una mano ai restauratori: un altro video lo cattura mentre dà di olio di gomito. “Vandali incivili”: questo il primo commento a caldo del primo cittadino intervistato dai giornalisti presenti in piazza.

Si registrano già alcune reazioni della politica cittadina. “La vernice sarà pulita e le pietre torneranno al loro colore originario, e questo è ciò che conta”, affermano i consiglieri Alessandro Draghi e Jacopo Cellai di Fratelli d’Italia. “Resta alle cronache lo sfregio simbolico, che non aiuterà certo l’aria a diventare più pulita, ma solo a caratterizzare come imbecilli dei giovani che non rappresentano – per fortuna – una generazione, ma solo l’ultima forma di un estremismo inutile, segno del tempo in cui ci troviamo a vivere”.

“Come appreso, e notato da tutti purtroppo, nella mattinata odierna, è stato attuato un blitz opera di un gruppetto di estremisti ambientalisti che, entrato in azione in piazza della Signoria, ha imbrattato la facciata di Palazzo Vecchio. Un fatto gravissimo che dà l’idea di come ormai certi personaggi siano liberi di colorare tutto, compreso un palazzo storico come quello dove ha sede il nostro Comune”, affermano Federico Bussolin e Federico Bonriposi della Lega, che polemizzano: “Al Sindaco non chiediamo di pulire le facciate, ma chiarezza politica: se da una parte l’Assessore regionale Monni (PD) si prodiga nello scusarsi verso questi fenomeni, dall’altra ancora manca la presa di posizione di Nardella. È d’accordo ad inasprire le pene per chi imbratta opere d’arte e/o edifici storici come chiede la Lega tramite il Senatore Borghi?”.

Firenze, attivisti imbrattano facciata di Palazzo Vecchio. Bloccati da vigili e sindaco
Firenze, attivisti imbrattano facciata di Palazzo Vecchio. Bloccati da vigili e sindaco


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


L'Università di Bologna brevetta nuova e precisa tecnica di restauro che utilizza la luce
L'Università di Bologna brevetta nuova e precisa tecnica di restauro che utilizza la luce
Buonajuto (sindaco Ercolano): “non è possibile che un museo sia assimilato a una discoteca”
Buonajuto (sindaco Ercolano): “non è possibile che un museo sia assimilato a una discoteca”
Vicenda GameStop, coinvolti due megacollezionisti d'arte: uno comprò il Giacometti dei record
Vicenda GameStop, coinvolti due megacollezionisti d'arte: uno comprò il Giacometti dei record
Chiusi i musei della Val Camonica. I lavoratori rifiutano il rinnovo del contratto
Chiusi i musei della Val Camonica. I lavoratori rifiutano il rinnovo del contratto
Il Ministero della Cultura acquisisce il Teatro Sociale di Amelia
Il Ministero della Cultura acquisisce il Teatro Sociale di Amelia
Nasce il Manifesto del futuro del libro. Consegnato oggi al ministro Sangiuliano
Nasce il Manifesto del futuro del libro. Consegnato oggi al ministro Sangiuliano



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020