Firenze, le biblioteche organizzano un servizio di libri “a domicilio e da asporto”


A Firenze le biblioteche comunali rispondono alla chiusura imposta dal dpcm con un servizio di libri a domicilio e da asporto, attivo da lunedì 16 novembre.

Le biblioteche in tutta Italia sono state chiuse dal dpcm dello scorso 3 novembre, ma ci sono istituti che non cessano i propri servizi. Accade a Firenze, dove le biblioteche comunali si sono organizzate con un servizio di libri “a domicilio” e libri “da asporto” che sarà attivo a partire da lunedì 16 novembre. Si tratta di un servizio completamente gratuito, che sarà attivo fino al prossimo 3 dicembre, data di scadenza dell’ultimo Dpcm che ha decretato la chiusura degli spazi culturali.

Il servizio di prestito a domicilio è usufruibile da tutti i residenti e domiciliati nel Comune di Firenze. Possono essere richiesti fino a 10 materiali contemporaneamente tra libri, riviste e multimediali, e il prestito avrà una durata massima di 30 giorni. Per richiedere il servizio è necessario essere iscritti alle Biblioteche comunali, mentre chi non è iscritto può effettuare una preiscrizione online attraverso il servizio “Utente in linea”.

Per richiedere i libri a domicilio è necessario contattare la propria biblioteca per telefono, per email (tranne BiblioteCaNova Isolotto, che accetta prenotazioni solo per telefono) o tramite il servizio Utente in linea per concordare un appuntamento. Trascorsi i 30 giorni, i prestiti verranno ritirati a domicilio oppure potranno essere riconsegnati direttamente in biblioteca se di nuovo aperta oppure su appuntamento nella biblioteca che svolge prestito da asporto più vicina. Il servizio di prestito a domicilio è disponibile anche per la sola restituzione di libri già presi in prestito. I materiali vengono sottoposti alla quarantena prevista dalle normative in vigore e anche la preparazione e la consegna dei materiali avvengono nel rispetto delle misure di sicurezza vigenti. Per verificare da casa la disponibilità dei titoli preferiti è sufficiente collegarsi al catalogo online. È poi sempre disponibile la biblioteca digitale DigiToscana MediaLibraryOnLine che consente di accedere gratuitamente, via internet, a quotidiani, riviste, ebook, musica, banche dati, film, immagini, audiolibri, corsi a distanza.

“Anche se chiuse”, dichiara l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi, “le biblioteche civiche vogliono continuare a fornire un servizio essenziale di conoscenza, educazione, svago e studio. Se i cittadini, a causa dell’emergenza sanitaria in atto, non possono recarsi in biblioteca allora andiamo noi da loro non interrompendo un flusso prezioso di libri e arricchimento culturale”.

Immagine: una sala della Biblioteca delle Oblate, Firenze

Firenze, le biblioteche organizzano un servizio di libri “a domicilio e da asporto”
Firenze, le biblioteche organizzano un servizio di libri “a domicilio e da asporto”


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma