Firenze, restaurato il tabernacolo di Mino da Fiesole nella basilica di Santa Croce


A Firenze è stato presentato il restauro del tabernacolo di Mino da Fiesole (Poppi, 1429 - Firenze, 1484) che si trova nella cappella Castellani nel complesso monumentale di Santa Croce. L’opera, che si caratterizza per il suo delicato e originale complesso scenografico in marmo di Carrara, è composta da otto pezzi che raffigurano una schiera di angeli e cherubini e una colomba: le restauratrici, Paola Rosa ed Emanuela Peiretti, sono intervenute con un’operazione di pulitura di tutto il tabernacolo.

La storia del tabernacolo, lunga e tormentata, come ha ricordato la conservatrice Eleonora Mazzocchi nel corso della presentazione del restauro, ha inizio nel 1473, quando Mino da Fiesole, uno dei più insigni scultori italiani del Quattrocento, lo realizza per il Convento delle Murate. Per più di tre secoli, il tabernacolo non si muove dal convento: tutto però cambia nel 1808, quando, in seguito alle soppressioni napoleoniche degli ordini ecclesiastici, viene trasferito in Santa Croce e murato nella Cappella Medici. Nel 1945, per proteggerlo dai rischi della guerra, il ciborio viene smembrato e riposto in tre casse custodite nella cappella Bardi di Vernio. Soltanto nel 1972 il soprintendente Guido Morozzi, in occasione del riordino della Cappella Castellani, ne decide la collocazione nello spazio in cui si trova oggi.

Il restauro è stato reso possibile dalla collaborazione tra l’Opera di Santa Croce e il club Inner Wheel Firenze Medicea: una partnership che è iniziata nel 1998. La presidente Francesca Maria Di Lollo ha messo in evidenza che il club ha contribuito al restauro di numerose opere in terracotta invetriata policroma attribuite a Giovanni e Andrea Della Robbia e a Benedetto Buglioni, conservate nel Museo dell’Opera di Santa Croce e nella Cappella Castellani. La presidente Di Lollo ha annunciato che Inner Wheel Firenze Medicea si prepara adesso a un nuovo impegno, sempre nella Cappella Castellani: il restauro del monumento funebre dell’artista e aristocratico polacco Michael Bogoria Skotnicki, opera di Stefano Ricci.

Nell’immagine: un dettaglio del tabernacolo di Mino da Fiesole

Firenze, restaurato il tabernacolo di Mino da Fiesole nella basilica di Santa Croce
Firenze, restaurato il tabernacolo di Mino da Fiesole nella basilica di Santa Croce


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER