La Fondazione CRT mette al bando 2,5 milioni di euro per i beni di Piemonte e Valle d'Aosta


Parte ’Restauri cantieri diffusi’, iniziativa della Fondazione CRT che mette a bando 2,5 milioni di euro per i beni culturali di Piemonte e Valle d’Aosta.

La Fondazione CRT ha messo al bando “Restauri Cantieri diffusi”, un’iniziativa che stanzia 2,5 milioni di euro per far rinascere beni storici, artistici e architettonici di particolare pregio e valore in Piemonte e Valle d’Aosta, garantendone così la tutela, il mantenimento in buone condizioni e la fruizione da parte del pubblico. La Fondazione assegna fino a 40.000 euro per ogni “cantiere” di intervento – sosterranno il restauro di beni mobili (tele, organi, statue, arredi lignei) e beni immobili sottoposti a tutela. Parte delle risorse potrà essere destinata anche al recupero di organi storici di comprovato valore storico-artistico.

Oltre alle opere di restauro, i progetti dovranno esplicitare le azioni di valorizzazione che saranno poste in essere per favorire la conoscenza e la piena fruizione dei beni e dei luoghi, migliorandone, ad esempio, le condizioni di utilizzo e di apertura al pubblico. Possono partecipare al bando enti pubblici o religiosi, associazioni, fondazioni, musei, comitati ed enti senza scopo di lucro: le domande di contributo dovranno riguardare beni per i quali siano già stati predisposti progetti definitivi/esecutivi autorizzati dalle Soprintendenze e cantierabili entro un anno.
“Con il bando Restauri e Cantieri diffusi sosteniamo da 15 anni gli interventi che riportano all’originario splendore i beni di pregio di cui il Piemonte e la Valle d’Aosta sono ricchi, con il duplice obiettivo di salvaguardare il ‘bello’ e di mettere il patrimonio storico-artistico al centro della vita dei nostri territori” afferma il Presidente della Fondazione CRT Giovanni Quaglia  “Il coinvolgimento delle comunità locali nelle varie fasi di recupero, valorizzazione e fruizione futura dei beni contribuisce ad arricchire di valore e di significato, anche sociale, un patrimonio splendido ma, a volte, poco visibile”.

"Accanto ad alcune nostre grandi opere, come il recupero e la rinascita delle OGR o la partecipazione a iniziative di grande rilievo come le Residenze Sabaude, l’apertura di molti nuovi ‘cantieri diffusi’ sul territorio innesca un circolo virtuoso, non solo per l’attrattività turistica e culturale del territorio, ma anche per l’economia nel suo complesso, generando un effetto ‘volano’ per il lavoro e per le imprese" dichiara il Segretario Generale della Fondazione CRT Massimo Lapucci “Con il sostegno a progetti cantierabili entro un anno, i contributi messi a disposizione dal bando ‘Restauri’ hanno la caratteristica di essere prontamente disponibili proprio là dove servono”.

La scadenza è fissata per le ore 15 del 29 giugno 2018.
Per leggere il regolamento, il bando e collegarsi al servizio di compilazione online vi invitiamo a cliccare questo link.

La Fondazione CRT mette al bando 2,5 milioni di euro per i beni di Piemonte e Valle d'Aosta
La Fondazione CRT mette al bando 2,5 milioni di euro per i beni di Piemonte e Valle d'Aosta


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER