Francia, parte il secondo gratta e vinci per salvare il patrimonio culturale: 121 i siti che ne beneficeranno


Francia, parte la seconda edizione del gratta e vinci del patrimonio, che consentirà di salvare 121 beni culturali in pericolo.

La prima edizione, lanciata a fine 2018, era stata un successo: Mission Patrimoine, ovvero il gratta e vinci francese ideato per raccogliere risorse da destinare al recupero di beni culturali da salvare, aveva raccolto ben 22 milioni di euro, tutti destinati a edifici e opere in pericolo. Il secondo round sarà preceduto da un’edizione speciale del gioco del lotto che si terrà il 14 luglio per la festa dei francesi, e a partire da settembre comincerà la vendita dei gratta e vinci: ci sarà un biglietto da 15 euro che garantirà una vincita massima di 1,5 milioni di euro e uno più economico da 3 euro che darà ai giocatori la possibilità di vincere un premio massimo di 30mila euro.

Il Ministero della cultura francese, la Fondation du Patrimoine e la Mission Stephane Bern, organizzatori dell’iniziativa, hanno comunicato in queste ore i 121 beni che saranno oggetto degli interventi che potranno partire con le risorse raccolte. Tra gli altri, ci sono la Biblioteca Fesch di Ajaccio, l’abbazia di Sainte-Marie a Longues-sur-Mer, l’anfiteatro gallo-romano di Saintes, quattro manifatture storiche delle ceramiche di Limoges, la cittadella di Bitche, il maniero di Courboyer, la Maison Bleue de Da Costa, la cappella di “Notre-Dame dei ciclisti” ad Armagnac, la Maison de la Gaieté di Chérac, il Castello Ripaille a Thonon-les-Bains, il Fortino di Girolata a Osani in Corsica. Non mancano anche interventi nei territori d’oltremare, come la cappella di Bel-Air nell’isola di Riunione o la moschea e il minareto di Tsingoni alla Mayotte. I siti sono stati selezionati su una base di un migliaio progetti candidati, adottando come criteri l’urgenza degli interventi, l’impatto economico sul territorio, lo stato di conservazione degli edifici.

Rispetto all’anno scorso, i siti selezionati sono meno della metà: “questo”, fanno sapere gli organizzatori, “permetterà di finanziare meglio i progetti se il lotto del patrimonio e il gratta e vinci raggiungeranno i risultati del 2018”. Gli organizzatori si sono infatti posti l’obiettivo di superare i 22 milioni di euro raccolti con l’edizione precedente, in particolare le aspettative sono quelle di raccogliere una cifra tra i 25 e i 30 milioni di euro.

Nella foto: Castello Ripaille a Thonon-les-Bains

Francia, parte il secondo gratta e vinci per salvare il patrimonio culturale: 121 i siti che ne beneficeranno
Francia, parte il secondo gratta e vinci per salvare il patrimonio culturale: 121 i siti che ne beneficeranno


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER