Genova, per tenere aperto l'Archivio di Stato si useranno percettori di reddito di cittadinanza


A Genova, per risolvere i problemi dell’Archivio di Stato, costretto a chiusure forzate causa mancanza di personale, verranno utilizzati otto percettori del reddito di cittadinanza. Questa la soluzione adottata nelle scorse ore.

Alla fine i problemi dell’Archivio di Stato di Genova, che a novembre è stato costretto ad alcune chiusure forzate a causa di mancanza di personale, sono stati risolti con l’impiego di percettori di reddito di cittadinanza. È stato infatti siglato nelle scorse ore l’accordo tra il Direttore Generale Archivi del Ministero della Cultura, Annamaria Buzzi, e il Sindaco di Genova, Marco Bucci, al fine di impiegare, nel contesto dei Patti per il lavoro e per l’inclusione sociale, otto persone beneficiarie del reddito di cittadinanza che, in attuazione di uno specifico “Progetto Utile alla Collettività”, supporteranno il personale dell’Archivio di Stato di Genova nelle attività di vigilanza e accoglienza degli utenti e di movimentazione delle unità archivistiche tra i depositi e le sale di studio, sia nella sede principale di via santa Chiara che in quella secondaria di Campi.

Il progetto si chiama “Insieme per l’Archivio di Stato di Genova”, ha lo scopo di consentire la continuità dei servizi resi agli utenti da parte dell’Archivio, in particolare per quanto riguarda il servizio di sala di studi, e durerà almeno un anno. “La questione legata alla mancanza di personale all’Archivio di Stato”, afferma il consigliere delegato alla Protezione Civile e alla Valorizzazione del volontariato, Sergio Gambino, “è annosa e posso rassicurare sull’intenzione dell’amministrazione di tentare ogni strada possibile con ministero e governo per risolverla. Nel frattempo, però, d’accordo con la direzione, abbiamo trovato una soluzione che sicuramente non può essere definitiva, ma che è sicuramente importante e consentirà all’Archivio di garantire la continuità dei servizi”.

I percettori, fa sapere il Comune di Genova, collaboreranno con il personale anche per le attività di valorizzazione dell’Archivio, come visite guidate, mostre, seminari, conferenze e incontri. Anche se non è stato specificato quale sarà il loro contributo, e l’argomento è spinoso dal momento che per la valorizzazione occorrerebbe personale esperto.

Genova, per tenere aperto l'Archivio di Stato si useranno percettori di reddito di cittadinanza
Genova, per tenere aperto l'Archivio di Stato si useranno percettori di reddito di cittadinanza


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Storia incredibile: ritrovata la biga (che in realtà non è antica) rubata con l'elicottero nel 2017
Storia incredibile: ritrovata la biga (che in realtà non è antica) rubata con l'elicottero nel 2017
Speranza: “cinema e teatri sono fermi perché non possiamo consentire questa situazione”
Speranza: “cinema e teatri sono fermi perché non possiamo consentire questa situazione”
Fondazione Cariplo stanzia 6 milioni di euro per progetti culturali in Lombardia, da Palazzo Te al Vittoriale
Fondazione Cariplo stanzia 6 milioni di euro per progetti culturali in Lombardia, da Palazzo Te al Vittoriale
Spagna, stanziati 76,4 milioni di euro a sostegno di tutto il settore culturale
Spagna, stanziati 76,4 milioni di euro a sostegno di tutto il settore culturale
Da Londra, tornano in Italia alcuni reperti trafugati tra gli anni Sessanta e Ottanta
Da Londra, tornano in Italia alcuni reperti trafugati tra gli anni Sessanta e Ottanta
Ferrara, concluso il restauro post sisma della cinquecentesca Santa Maria della Visitazione
Ferrara, concluso il restauro post sisma della cinquecentesca Santa Maria della Visitazione