A Gerusalemme apre la nuova, spettacolare Biblioteca Nazionale d'Israele


Nonostante la guerra scoppiata dopo il brutale attacco terroristico di Hamas, in Israele fiorisce la cultura: domenica scorsa ha infatti aperto a Gerusalemme la nuova Biblioteca Nazionale di Israele, in uno spettacolare edificio progettato da Herzog & De Meuron.

In Israele, malgrado la guerra che il paese si è trovato a combattere dopo il brutale attacco terroristico di Hamas lo scorso 7 ottobre, la cultura va avanti e risplende: ha infatti aperto domenica scorsa, il 29 ottobre, la nuova Biblioteca Nazionale di Israele (National Library of Israel, NLI), che ha inaugurato la nuova sede per il suo pubblico.

La NLI trova sede a Gerusalemme in un nuovo, grande edificio di 11 anni che costituisce una importante novità nel panorama urbano di Gerusalemme: la nuova NLI si estende su una superficie di circa 46.000 mq, con sei piani fuori terra e cinque piani interrati. Il nuovo edificio della Biblioteca Nazionale d’Israele è stato progettato dalle archistar svizzere dello studio Herzog & de Meuron, noto per le sue opere in tutto il mondo come la Tate Modern di Londra, l’Elbphilharmonie di Amburgo, lo Stadio Nazionale (Nido d’Uccello) di Pechino e molti altri. L’architetto esecutivo è stato Mann Shinar. La nuova Biblioteca, finanziata dal governo dello Stato di Israele in collaborazione con Yad Hanadiv, con la Fondazione Yad Hanadiv-Rothschild, con la famiglia Gottesman di New York e molti altri donatori provenienti da israele all’estero (costo complessivo: 845 milioni di shekel, ovvero circa 200 milioni di euro, finanziati all’86% dai donatori), si trova all’incrocio tra Kaplan Street e Ruppin Boulevard, di fronte alla Knesset e adiacente al Museo di Israele.

Veduta aerea della Biblioteca Nazionale d'Israele
Veduta aerea della Biblioteca Nazionale d’Israele
Facciata ovest
Facciata ovest

I lettori potranno accedere alle principali sale di lettura situate al centro della Biblioteca, progettate per ospitare 600 persone, che possono navigare, leggere e studiare gratuitamente. La Biblioteca ospita milioni di oggetti tra cui oltre quattro milioni di libri, giornali storici, fotografie, circa 1.500 collezioni e archivi personali, migliaia di mappe antiche, decine di migliaia di manoscritti, manifesti e altri oggetti effimeri, dischi e nastri, nonché milioni di documenti digitalizzati, registrazioni musicali e molti altri tesori .

Attualmente la Biblioteca è aperta dalla domenica al giovedì dalle 9:00 alle 16:00 ed è chiusa il venerdì (fino a nuovo avviso). L’ingresso avviene tramite l’ingresso principale da Kaplan Street. Il personale della biblioteca è a disposizione per fornire servizi e sono disponibili visite gratuite alla sala di lettura principale durante la prima settimana di apertura.

A partire da novembre, la Biblioteca offrirà inoltre visite gratuite per gli sfollati dal confine settentrionale e meridionale, per presentare l’imponente architettura dell’edificio, le sale di lettura, le mostre, le opere d’arte, l’esperienza dei visitatori e altro ancora. Sono previsti anche laboratori e sessioni per bambini, compatibilmente con la situazione della sicurezza. Inoltre, ogni mercoledì a mezzogiorno sono disponibili visite guidate gratuite per il pubblico (in inglese) previa registrazione online.

Non appena la situazione di sicurezza lo consentirà, la Biblioteca intende aprire gli ampi spazi della galleria, esponendo i più importanti tesori rari del popolo ebraico e della società israeliana, insieme ad oggetti provenienti dalle collezioni di Islam e Medio Oriente e di Studi umanistici della Biblioteca.

La sala lettura
La sala lettura. Foto: Iwan Baan
La sala lettura
La sala lettura. Foto: Ofrit Assaf-Arye

Il nuovo edificio comprende anche un auditorium da 480 posti dove si svolgeranno concerti, conferenze e altri eventi culturali; un centro visitatori che presenta l’esperienza della Biblioteca attraverso una “passeggiata sonora” interattiva con immagini su uno schermo LED lungo 20 metri; un ristorante; e una libreria che offre libri e regali unici con il marchio della Biblioteca. Anche questi saranno disponibili non appena le condizioni lo consentiranno.

I visitatori della nuova Biblioteca Nazionale d’Israele potranno poi ammirare opere d’arte di artisti israeliani e internazionali, tra cui due opere appena donate di Marc Chagall, due opere dell’artista britannico Edmund de Waal, nuove opere create appositamente per il nuovo edificio dall’artista israeliano artisti Gali Cnaani, Sigalit Landau, Michal Rovner, un’importante opera di Yechiel Shemi e altri ancora. Di fronte all’edificio si trova una monumentale scultura in pietra, Lettere di Luce, di Micha Ullman, basata sull’antico testo cabalistico Sefer Yetzira (Libro della Creazione). Questa importante scultura è incentrata sulle 22 lettere dell’alfabeto ebraico scolpite nella pietra, con luci e ombre che rispondono all’angolazione in continua evoluzione dei raggi del sole.

Le aree pubbliche circostanti presentano piante e alberi appositamente selezionati che celebrano la vegetazione ricca e variegata di Israele e il paesaggio che riflette i terrazzamenti naturali di Gerusalemme.


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020