Il Giardino Giusti di Verona è l'unico sito italiano più a rischio in Europa


Annunciati i sette siti del patrimonio europeo più a rischio nel 2021. In Italia solo il Giardino Giusti di Verona.

Annunciati questa mattina da Europa Nostra i sette monumenti e siti del patrimonio più a rischio in Europa per il programma 2021 del 7 Most Endangered. Dalla lista dei dodici siti europei più in pericolo, annunciata nel dicembre scorso, il cerchio si è ristretto arrivando a sette: la Ferrovia dell’Achensee (Austria), il Complesso cimiteriale di Mirogoj (Croazia), Isole egee (Grecia), il Giardino Giusti (Verona), il Visoki Decani (Kosovo), il Palazzo delle Poste di Skopje (Macedonia del Nord), la Cappella di San Juan de Socueva (Spagna). 

L’Italia conta dunque un sito a rischio in Europa: il Giardino Giusti di Verona. Aperto dal 1570, è uno dei migliori esempi di giardino rinascimentale toscano che si mantenuto nella sua forma originale fino a oggi. Nel 2020 il Giardino Giusti, di proprietà privata, è stato colpito da tre violenti temporali che hanno causato ingenti danni. Circa trenta alberi, un terzo del totale, e parte del labirinto di bosso sono stati sradicati insieme ad alcuni bossi nel parterre. Anche tre statue del Seicento e gli impianti di illuminazione e d’irrigazione sono stati rotti o gravemente danneggiati. 

Guy Clausse, Vicepresidente esecutivo di Europa Nostra, ha dichiarato: “L’obiettivo della nostra lista dei sette siti europei più a rischio è quello di lanciare un campanello d’allarme sulle gravi minacce che questi siti stanno subendo. Da un monastero medievale a un giardino rinascimentale, da costruzioni industriali e moderne a paesaggi culturali iconici: questi siti sono importanti testimonianze del nostro passato, memoria e identità condivise. In un momento in cui il nostro continente sta attraversando una crisi senza precedenti, Europa Nostra desidera esprimere la sua solidarietà e dare il suo sostegno alle comunità locali di tutta Europa che sono determinate a salvare questi tesori del patrimonio a rischio. Attraverso la nostra ampia rete paneuropea di membri e partner, mobiliteremo diverse competenze e risorse per aiutare a salvare questi siti del patrimonio, che dovrebbero essere riconosciuti come potenti vettori di sviluppo sostenibile nonché strumenti vitali per la pace e il dialogo tra le varie comunità. Insieme possiamo farcela!”.

Al fianco di Europa Nostra è come sempre l’European Investment Bank Institute. “Ancora una volta, l’Istituto è al fianco di Europa Nostra, nostro partner da lunga data nella salvaguardia dei siti del patrimonio culturale europeo più in pericolo” ha commentato Francisco de Paula Coelho. “Gli europei sono orgogliosi del patrimonio culturale. Li unisce. Per la Banca Europea è naturale contribuire a rafforzare questo legame attraverso il nostro sostegno e impegno per il programma 7 Most Endangered, ormai annuale”. 

Mariya Gabriel, Commissario europeo per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e la gioventù, ha aggiunto: "Il patrimonio culturale dell’Europa è il nostro passato, presente e futuro. Fa parte della nostra identità e riunisce persone provenienti da tutto il nostro continente attorno a valori ed esperienze condivise. È prezioso e merita la nostra massima attenzione e protezione. Attraverso il programma 7 Most Endangered, puntiamo i riflettori sul patrimonio europeo in pericolo, sensibilizzando e aprendo la strada a un futuro per i siti selezionati".

Nell’immagine, il Giardino Giusti di Verona. Ph.Credit Europa Nostra 

 

Il Giardino Giusti di Verona è l'unico sito italiano più a rischio in Europa
Il Giardino Giusti di Verona è l'unico sito italiano più a rischio in Europa


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma