La Gioconda di Leonardo da Vinci in prestito? Il ministro della cultura francese apre alla possibilità


La Gioconda, il celebre capolavoro di Leonardo da Vinci, potrebbe lasciare il Louvre? Il ministro della cultura francese ha aperto alla possibilità.

Il ministro della cultura francese, Françoise Nyssen, nel corso di un incontro tenutosi martedì sera ha aperto alla possibilità che il Louvre possa prestare il suo capolavoro più celebre: la Gioconda di Leonardo da Vinci. Françoise Nyssen ha affermato che secondo lei il mondo della cultura sarebbe minato da “tabù” che dovrebbero essere superati, e uno di questi tabù riguarda lo spostamento delle opere d’arte. Il ministro ha dunque immaginato un piano per far uscire le opere dai loro musei.

"Non si tratterebbe certo di spostare il Louvre nella sua interezza, ma perché dovremmo proibirci di spostare la Gioconda o l’arazzo di Bayeux?" ha affermato Nyssen nell’incontro in cui era presente anche il presidente del Louvre, Jean-Luc Martinez. La proposta di Françoise Nyssen arriva all’indomani delle proteste per l’annuncio di Emmanuel Macron, che ha affermato nei giorni scorsi che l’arazzo di Bayeux potrebbe essere prestato al Regno Unito nel 2022. L’ultima volta che il più famoso dipinto di Leonardo da Vinci fu dato in prestito era il 1974, quando partì per il Giappone e fece scalo a Mosca sulla via del ritorno, e, da allora, non venne più fatto uscire dal Louvre nemmeno per gli annuali controlli sul suo “stato di salute” che vengono effettuati nella galleria dove è custodito, anziché negli appositi laboratori. L’Italia aveva sondato il terreno per un prestito nel 2011, ma il Louvre aveva rifiutato. Bisogna comunque sottolineare che la Gioconda è un dipinto molto delicato, e difficilmente gli esperti le concederanno la possibilità di viaggiare.

La Gioconda di Leonardo da Vinci in prestito? Il ministro della cultura francese apre alla possibilità
La Gioconda di Leonardo da Vinci in prestito? Il ministro della cultura francese apre alla possibilità


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Bonisoli e Borgonzoni promettono un decreto anti-Netflix: “i film prima si vedono in sala, poi sulle piattaforme”
Bonisoli e Borgonzoni promettono un decreto anti-Netflix: “i film prima si vedono in sala, poi sulle piattaforme”
Aumentano i lettori in Italia, ma solo 4 su 10 leggono almeno un libro all'anno. E le donne leggono molto più degli uomini
Aumentano i lettori in Italia, ma solo 4 su 10 leggono almeno un libro all'anno. E le donne leggono molto più degli uomini
Santa Croce, tre avvisi di garanzia per il crollo e Basilica chiusa. Per Acidini non si esclude la fatalità
Santa Croce, tre avvisi di garanzia per il crollo e Basilica chiusa. Per Acidini non si esclude la fatalità
Scenari di Governo: chi è Alberto Bonisoli, in pole position per i beni culturali
Scenari di Governo: chi è Alberto Bonisoli, in pole position per i beni culturali
Le aziende adottano le opere di Capodimonte: parte la terza edizione di Rivelazioni-Finance for Fine Arts
Le aziende adottano le opere di Capodimonte: parte la terza edizione di Rivelazioni-Finance for Fine Arts
Rinvenuta a Pontelandolfo una tomba con un teschio e ossa umane
Rinvenuta a Pontelandolfo una tomba con un teschio e ossa umane