Gran Bretagna, nuove leggi per proteggere monumenti storici. “Non dobbiamo censurare il passato”


Annunciate in Gran Bretagna nuove leggi per proteggere i monumenti e il patrimonio storico. Per rimozione si chiederà il permesso. 

Il governo britannico ha annunciato nuove leggi per proteggere i monumenti storici del paese. Secondo questo progetto di legge, le statue che fanno parte del patrimonio storico e culturale, elencate in una lista, dovranno essere conservate e spiegate alle generazioni future. Chiunque voglia così rimuovere qualsiasi monumento storico dovrà chiedere il permesso. Se il consiglio intende concedere il permesso per la rimozione di una determinata statua, il Segretario di Stato per l’edilizia abitativa, le comunità e il governo locale dovrà essere avvisato per prendere la relativa decisione finale. 

Le nuove leggi intendono proteggere ventimila statue e monumenti in tutta l’Inghilterra, compresi molti monumenti che non appartengono alla lista del Patrimonio, ma che sono di interesse pubblico e hanno particolare significato per le comunità locali, e per questo è giusto che anche questi vengano protetti. 

L’attuale Segretario di Stato per l’edilizia abitativa, le comunità e il governo locale Robert Jenrick ha dichiarato: "Per secoli statue e monumenti pubblici sono stati eretti per celebrare individui e grandi episodi della storia del paese. Riflettono i gusti della popolazione nel tempo, non una storia singola e ufficiale. Sono enormemente varie, alcune amate, altre oltraggiate, ma sono tutte parte del tessuto della nostra storia straordinariamente ricca e del nostro contesto. Non possiamo, e non dobbiamo, adesso cercare di modificare o censurare il nostro passato. Ecco perché sto cambiando la legge che protegge i monumenti storici; non ripetiamo gli errori delle precedenti generazioni perdendo il nostro patrimonio del passato senza un’adeguata cura". 

Il Segretario di Stato per il digitale, la cultura, i media e lo sport Oliver Dowden ha aggiunto: "Credo fortemente che dovremmo imparare dal nostro passato, per conservare e spiegare la nostra storia. Le decisioni che prenderemo adesso daranno forma all’ambiente che sarà ereditato dai nostri figli e nipoti. È nostro dovere preservare la cultura e il patrimonio per le future generazioni e queste nuove leggi ci aiuteranno a farlo". 

Nell’immagine, il monumento a Edward Colston gettato nelle acque del porto di Bristol lo scorso giugno. 

Gran Bretagna, nuove leggi per proteggere monumenti storici. “Non dobbiamo censurare il passato”
Gran Bretagna, nuove leggi per proteggere monumenti storici. “Non dobbiamo censurare il passato”


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Gli Uffizi volano con il cuore a Parigi. Esposto all'ingresso di Palazzo Pitti l'Autoritratto di Chagall con Notre Dame sullo sfondo
Gli Uffizi volano con il cuore a Parigi. Esposto all'ingresso di Palazzo Pitti l'Autoritratto di Chagall con Notre Dame sullo sfondo
La Collezione Farnesina sarà protagonista di un gioco in scatola inedito
La Collezione Farnesina sarà protagonista di un gioco in scatola inedito
“Europa”, una toccante opera di Cristina Donati Meyer riproposta in occasione dell'incontro Salvini-Orbán
“Europa”, una toccante opera di Cristina Donati Meyer riproposta in occasione dell'incontro Salvini-Orbán
Quasi 30.000 visitatori per la Quadriennale, prima grande mostra gratuita in periodo Covid
Quasi 30.000 visitatori per la Quadriennale, prima grande mostra gratuita in periodo Covid
A Firenze riaprono le biblioteche: vittoria della protesta di lavoratori e cittadini
A Firenze riaprono le biblioteche: vittoria della protesta di lavoratori e cittadini
Dopo le sculture, in Inghilterra anche i dipinti ora sono presi di mira, con proposte di smantellamento
Dopo le sculture, in Inghilterra anche i dipinti ora sono presi di mira, con proposte di smantellamento