Da oggi green pass obbligatorio per visitare musei, mostre, monumenti. Cosa c'è da sapere


Da oggi, venerdì 6 agosto 2021, il green pass diventa obbligatorio per visitare musei, mostre, monumenti, biblioteche e altri luoghi della cultura. Tutto quello che c’è da sapere.

Dopo settimane di roventi polemiche, il green pass, ovvero il certificato verde che pone delle limitazioni a chi non si è vaccinato contro il Covid, entra in vigore in tutti i luoghi della cultura. Questo significa che, a partire da oggi venerdì 6 agosto 2021, chiunque entrerà in un luogo della cultura dovrà esibire il pass sanitario all’ingresso. Se i visitatori sono sprovvisti di pass, non potranno accedere.

Il green pass per i luoghi della cultura è stato stabilito dall’articolo 3 del Decreto-Legge n. 105 del 23 luglio 2021, che impone l’obbligo di pass sanitario a partire da venerdì 6 agosto all’ingresso di “musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre”. Assieme al pass sarà necessario mostrare anche il proprio documento d’identità per dimostrare che il pass mostrato all’operatore del museo o del luogo della cultura sia il proprio.

Quali sono i luoghi della cultura in cui è obbligatorio il green pass

Il decreto, come visto, parla esplicitamente di “musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre”. Il certificato verde è dunque obbligatorio presso qualsiasi museo, qualsiasi mostra, e tutti i luoghi della cultura, che sono definiti dal Decreto Legislativo n. 42 del 2004, ovvero il Codice dei Beni Culturali. Ai sensi del Codice, si intendono per “istituti e luoghi della cultura” i musei, le biblioteche e gli archivi, le aree e i parchi archeologici, i complessi monumentali.

Attenzione: anche con il green pass, l’accesso nei musei e luoghi della cultura rimane comunque sottoposto alle misure di sicurezza in vigore finora. Pertanto ci saranno ancora accessi contingentati, sarà obbligatorio indossare la mascherina, igienizzarsi le mani e farsi misurare la temperatura corporea all’ingresso. La prenotazione per l’ingresso ai musei statali e alle mostre non è obbligatoria ma è comunque consigliata.

Come si ottiene il green pass

Ci sono tre modi per avere il green pass: 1. se si è ricevuta almeno una dose di vaccino anti-Covid; 2. se si è in possesso di un certificato che attesti la guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 (la validità è di 6 mesi); 3. se si ha il risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido al virus Sars-CoV-2 (la validità è di 48 ore). Le disposizioni non si applicano ai bambini di età inferiore ai 12 anni e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica. Attenzione: per chi riceve la prima dose di vaccino, il green pass è valido a partire dal quindicesimo giorno successivo alla somministrazione.

È il Ministero della Salute che rilascia la certificazione verde sulla base dei dati trasmessi dalle Regioni e dalle Province Autonome relativi alla vaccinazione, alla negatività al test o alla guarigione dal COVID-19. La certificazione è emessa in formato digitale stampabile. Il pass si può scaricare dal sito www.dgc.gov.it inserendo i dati della propria tessera sanitaria o della propria identità digitale (Spid o Cie), scaricando AppImmuni o App IO, e a breve anche dal sito del Fascicolo Sanitario Elettronico Regionale. Chi non dispone di strumenti digitali potrà richiedere il green pass al proprio medico curante, al pediatra oppure in farmacia.

Da oggi green pass obbligatorio per visitare musei, mostre, monumenti. Cosa c'è da sapere
Da oggi green pass obbligatorio per visitare musei, mostre, monumenti. Cosa c'è da sapere


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma