Stanno per concludersi le riprese del film su Michelangelo di Konchalovsky


Stanno per terminare a Roma le riprese di “Il peccato”, film diretto da Andrei Konchalovsky incentrato sulla figura di Michelangelo Buonarrotti.
Le riprese erano cominciate a fine Agosto e si sono svolte in vari luoghi della Toscana e del Lazio che hanno contraddistinto la vita e le opere dell’artista come Monte Altissimo (cave Henraux), il Castello Malaspina di Massa, Firenze, Arezzo, Montepulciano, Carrara, Bagno a Ripoli, Pienza, Monte Sansovino, Tarquinia, Caprarola e, infine Roma.
Il regista russo, autore di “Maria’s lovers” e “Paradise” e vincitore, fra gli altri, di un Premio speciale della giuria e due Leoni d’argento a Venezia, è anche produttore del film con la sua Fondazione Andrei Konchalovsky per il cinema e le arti sceniche insieme al Ministero della Cultura della federazione Russa, con l’apporto dell’imprenditore russo e filantropo Alisher Usmanov, ed a Jean Vigo Italia con Rai Cinema.
"Cosa mi piace di Michelangelo? Le sue contraddizioni. Era attaccato al denaro, come me d’altronde - dice sorridendo il regista ai microfoni di Ansa.it - Ma era anche scaltro, e sapeva confrontarsi con i potenti. Se dovessi definirlo direi che era come un ladro innocente. Era un genio che ha saputo creare capolavori in un’epoca dove non aveva libertà, mentre oggi, al contrario abbiamo molta più libertà e molti meno capolavori".
Costato 15 milioni di euro, il film dovrebbe essere pronto per il debutto, probabilmente in un grande festival, nella seconda metà del 2018.

Fonte Ansa.it

Stanno per concludersi le riprese del film su Michelangelo di Konchalovsky
Stanno per concludersi le riprese del film su Michelangelo di Konchalovsky


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER