Musei, ancora chiusi 3 su 10. Situazione difficile anche per i lavoratori


In Italia risultano ancora chiusi 3 musei statali su 10. Una situazione difficile per i lavoratori e che ha impatti sulle comunità e sul turismo.

Due mesi esatti dopo la riapertura dei musei, fissata lo scorso 18 maggio, un terzo dei musei statali italiani risulta ancora chiuso, inaccessibile al pubblico a oggi, 18 luglio. Lo denuncia l’associazione Mi Riconosci? Sono un professionista dei beni culturali, che sottolinea come la situazione sia ben lontana dall’essere ordinaria. Lo scenario delle riaperture è molto frastagliato: nuove riaperture vengono stabilite di settimana in settimana senza che ci sia un calendario preciso, e per il pubblico è di lettura molto difficile, dal momento che ogni museo fa storia a sé. Differenze anche per quanto riguarda gli orari, i flussi all’ingresso, i percorsi, le modalità di gestione, la comunicazione col pubblico.

E parliamo anche di luoghi di prim’ordine: solo in Emilia Romagna (la regione messa peggio, con 18 musei chiusi su 26) ancora porte sbarrate alla Camera di San Paolo a Parma, al Museo Archeologico di Sarsina, al Museo Nazionale Etrusco e l’area archeologica di Kainua a Marzabotto, al Museo di Casa Romei a Ferrara, al Museo dell’età Neoclassica in Romagna di Palazzo Milzetti a Faenza, alla Villa Romana di Russi. In Toscana meglio in percentuale ma peggio in numeri assoluti, con 26 musei chiusi su 52, tra i quali il Museo Nazionale d’Arte Medievale e Moderna di Arezzo, la Casa Vasari di Arezzo, l’area archeologica di Carmignano, il Museo Nazionale di Palazzo Reale a Pisa, il Museo Archeologico Nazionale di Siena. E poi ancora il Museo Nazionale Jatta di Rovo di Puglia, l’Abbazia di Fruttuaria in Piemonte, i Girolamini di Napoli e molti altri ancora.

In più, il ministero non fornisce informazioni ordinate e chiare neppure rispetto ai numeri di musei e luoghi della cultura statali (si passa dai 600 luoghi della cultura riportati dalla Direzione Generale Musei ai poco più di 300 musei gestiti dalle Direzioni Regionali), e la differenza è dettata da diversi fattori, tra cui la concessione di musei statali affidata a terzi e l’accorpamento di diversi siti ad alcuni istituti autonomi, al fatto che alcuni musei che non hanno mai aperto non sono affidati a nessuna direzione regionale, ma nel complesso rileva una situazione caotica.

“Da una mappatura sui musei statali svolta tra il 9 e l’11 luglio emergono dati molto indicativi”, spiega Rosanna Carrieri, una delle attiviste di Mi Riconosci? che si è occupata della raccolta dei dati, “a fronte di circa 330 musei statali italiani, conteggiando solo quelli elencati nei siti delle Direzioni Regionali e gli istituti dotati di autonomia speciale, ancora il 30% è completamente chiuso al pubblico ed una sessantina di strutture hanno dei servizi o degli orari estremamente ridotti, a causa delle carenze di personale”.

E non si tratta solo di una chiusura per il pubblico, ma anche di chiusura per i lavoratori: molti di loro sono ancora a casa e il loro futuro incerto, e in più le comunità, private di luoghi fondamentali, ne risultano tremendamente danneggiate. Per non parlare del turismo, che riceve i contraccolpi della chiusura. Insomma: se già prima molto musei erano in difficoltà (ccon orari ridotti, giorni di chiusura oltre il normale e quant’altro), adesso l’emergenza sanitaria ha aggiunto problemi su problemi.

“Il lockdown ha amplificato una questione già evidente, che denunciamo da anni”, aggiunge Flavio D. Utzeri, archeologo e attivista. “È stato la cartina tornasole che ha dimostrato la fragilità e l’instabilità del sistema museale italiano. Dopo due mesi dalla presunta riapertura delle strutture è più che mai urgente da parte del Mibact un’assunzione di responsabilità e un finanziamento consistente alla cultura. In caso contrario non sarà possibile una vera ripartenza, non solo dopo l’emergenza pandemica, ma dopo decenni di tagli e di stenti”.

Musei, ancora chiusi 3 su 10. Situazione difficile anche per i lavoratori
Musei, ancora chiusi 3 su 10. Situazione difficile anche per i lavoratori


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma