Ingolstadt, incendio colpisce i depositi del Deutsches Museum, il più grande museo scientifico del mondo. Si temono danni ingenti


A Ingolstadt un incendio ha colpito i depositi del Deutsches Museum di Monaco di Baviera, il più grande museo scientifico del mondo. Si temono danni ingenti.

Un pesante incendio, sviluppatosi nella tarda giornata di mercoledì 10 ottobre, ha colpito i depositi del Deutsches Museum di Monaco di Baviera, che hanno sede nella città di Ingolstadt, situata a circa ottanta chilometri a nord di Monaco. Nel deposito si trovano ottomila oggetti: non si registrano danni a persone ma al momento, tuttavia, non si conosce in che stato versi la raccolta, poiché le forze dell’ordine non hanno potuto entrare nella struttura per il rischio crollo dopo l’incendio. Per la stessa ragione, non sono ancora note le cause che hanno innescato l’evento.

Tuttavia, stando alle prime stime i danni non sembrano aver colpito la totalità dei depositi, per quanto risultino ingenti. “Non ci aspettiamo una perdita di tutti gli ottomila oggetti della collezione”, ha spiegato in una nota ufficiale Gerrit Faust dell’ufficio stampa del museo. Occorreranno approfondite valutazioni per saperne di più: i danni economici, fanno sapere dal museo, sono comunque importanti, e l’edificio che ospita il deposito è attualmente inagibile. Il direttore del museo, Wolfgang M. Heckl, si è limitato a dichiararsi almeno sollevato per il fatto che l’incendio non ha arrecato danni a persone, e ha ringraziato i pompieri di Ingolstadt per il loro lavoro.

Il Deutsches Museum di Monaco di Baviera, uno dei musei più visitati della Germania con oltre un milione di visitatori ogni anno, è anche il più grande museo al mondo di scienza e tecnologia e vanta una collezione di circa 28.000 oggetti. La sua antica storia comincia nel 1903, quando fu fondato per impulso dell’ingegnere Oskar von Miller. La vastissima raccolta intende esplorare ogni aspetto delle scienze: ingegneria, fisica, scienze dei trasporti, mineralogia, chimica, farmacia, aeronautica, informatica, telecomunicazioni e molto altro. Nel deposito di Ingolstadt il più importante oggetto era probabilmente il microscopio di Manfred Heigen, premio Nobel per la chimica nel 1967.

Nella foto, il deposito di Ingolstadt dopo l’incendio. Ph. Credit Deutsches Museum

Ingolstadt, incendio colpisce i depositi del Deutsches Museum, il più grande museo scientifico del mondo. Si temono danni ingenti
Ingolstadt, incendio colpisce i depositi del Deutsches Museum, il più grande museo scientifico del mondo. Si temono danni ingenti


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Musei italiani, crescono del 7,8% i visitatori dei musei
Musei italiani, crescono del 7,8% i visitatori dei musei
C'è tempo solo fino a mezzanotte di oggi per abbonarsi al nostro magazine cartaceo: non perderlo!
C'è tempo solo fino a mezzanotte di oggi per abbonarsi al nostro magazine cartaceo: non perderlo!
Eike Schmidt: “la Germania restituisca a Firenze il dipinto di van Huysum rubato dai nazisti”
Eike Schmidt: “la Germania restituisca a Firenze il dipinto di van Huysum rubato dai nazisti”
Napoli, crollo nell'ex convento di San Paolo Maggiore, coinvolti cinque operai, fuori pericolo
Napoli, crollo nell'ex convento di San Paolo Maggiore, coinvolti cinque operai, fuori pericolo
Firenze: terminato il restauro del Chiostrino dei Voti della Basilica della Santissima Annunziata
Firenze: terminato il restauro del Chiostrino dei Voti della Basilica della Santissima Annunziata
Alberto Angela non c'entrava niente. Ecco perché Beyoncé non ha potuto girare il suo video al Colosseo
Alberto Angela non c'entrava niente. Ecco perché Beyoncé non ha potuto girare il suo video al Colosseo