Bandiere bianche sui monumenti: con i suoi fotomontaggi, un architetto iraniano risponde a Donald Trump


Bandiere bianche sui principali monumenti dell’Iran: il simbolo universale della resa svetta su piazza Naqsh-e Jahan, sugli ziggurat di Choqa zanbil, sulla tomba del poeta Hafez, sulle rovine di Pasargade, sui rilievi rupestri di Taq-e Bostan. Sono solo dei fotomontaggi, ma vogliono farsi portatori di un messaggio di pace: è questo il senso di Peace, il progetto dell’architetto iraniano Mohammad Hassan Forouzanfar, che ha scelto Instagram per diffondere le sue creazioni, che hanno incassato i “like” di più di diecimila utenti da tutto il mondo.

Il progetto nasce in seguito alle minacce del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che lo scorso 4 gennaio aveva dichiarato che gli USA sono pronti a colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui alcuni importanti per la cultura del paese. Dichiarazioni in seguito stemperate (anche perché colpire deliberatamente siti culturali è un crimine di guerra secondo le convenzioni internazionali), mentre nel frattempo oggi arriva qualche timida prova di distensione da parte degli USA. Il progetto di Forouzanfar è stato lanciato tre giorni fa, poche ore dopo le dichiarazioni di Trump, e ha fatto in qualche giorno il giro del web, in tutto il mondo.

“L’Iran”, ha scritto Forouzanfar nel post con cui ha condiviso il progetto, “ha una cultura liquida”, una liquidità che ha visto passare da quelle parti “l’esercito romano, i mongoli, i persiani, religioni e diverse culture”. Tutti coloro che sono passati di qui hanno lasciato un segno: i siti “possono essere distrutti con cannoni e carri armati”, ha scritto Forouzanfar, “ma la cultura non può essere distrutta”, perché “essere iraniani è nella nostra memoria collettiva, nella nostra lingua e letteratura, nel nostro modo di pensare, nella nostra visione e nel nostro atteggiamento, nel nostro modo di essere felici e nel nostro modo di piangere”.

Per vedere i fotomontaggi di Forouzanfar basta collegarsi al suo account Instagram.

Nell’immagine: il fotomontaggio con piazza Naqsh-e Jahan su cui sventola la bandiera bianca.

Bandiere bianche sui monumenti: con i suoi fotomontaggi, un architetto iraniano risponde a Donald Trump
Bandiere bianche sui monumenti: con i suoi fotomontaggi, un architetto iraniano risponde a Donald Trump


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Nuova illuminazione esterna per il Duomo di Milano
Nuova illuminazione esterna per il Duomo di Milano
Il Festivaletteratura di Mantova piange uno dei suoi fondatori, Luca Nicolini
Il Festivaletteratura di Mantova piange uno dei suoi fondatori, Luca Nicolini
Nasce nel cuore di Verona la casa-museo Palazzo Maffei
Nasce nel cuore di Verona la casa-museo Palazzo Maffei
World Press, la foto dell'anno è la bambina che piange al confine USA/Messico, opera di John Moore. Brilla l'Italia
World Press, la foto dell'anno è la bambina che piange al confine USA/Messico, opera di John Moore. Brilla l'Italia
La Confederazione Archeologi: “in Lombardia scavi eseguiti da associazioni di volontari: illegali e lesivi dei lavoratori”
La Confederazione Archeologi: “in Lombardia scavi eseguiti da associazioni di volontari: illegali e lesivi dei lavoratori”
A Genova si interviene sull'estetica di un monumento per evitare che le persone si siedano sui gradini
A Genova si interviene sull'estetica di un monumento per evitare che le persone si siedano sui gradini