La città industriale di Ivrea nel Patrimonio Mondiale dell'Umanità Unesco: è il sito numero 54 per l'Italia


La città industriale di Ivrea entra nel Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco. Sono ora 54 i siti italiani nell’elenco.

Da oggi l’Italia ha un nuovo sito nel Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco: è Ivrea, città industriale del ventesimo secolo. L’ingresso della città piemontese nell’elenco dei siti d’interesse culturale mondiale è stato deciso oggi nel corso della quarantaduesima sessione del comitato World Heritage dell’Unesco, in corso in Bahrein fino al 4 luglio. Adesso sono dunque 54 i siti italiani nell’elenco Unesco.

“La città industriale di Ivrea”, si legge nella motivazione fornita dall’Unesco, “è situata nella regione del Piemonte e si sviluppò come sede della Olivetti, azienda produttrice di macchine da scrivere, calcolatori meccanici e computer. Comprende una grande fabbrica ed edifici progettati per servire l’amministrazione e i servizi sociali, oltre a unità residenziali. Progettato dai maggiori urbanisti e architetti italiani in larga parte tra gli anni Trenta e Sessanta, questo insieme architettonico riflette le idee del Movimento Comunità. Ivrea, modello di progetto sociale, esprime una visione moderna delle relazioni tra produzione industriale e architettura”. La città industriale di Ivrea fu infatti fondata nel 1908 da Camillo Olivetti e la sua progettazione riflette moderni ideali socio-culturali, ancora di grandissima attualità.

“Ivrea, la città ideale della rivoluzione industriale del Novecento, è il 54esimo sito Unesco italiano”, ha dichiarato il ministro dei beni culturali, Alberto Bonisoli. Si tratta di “un riconoscimento che va a una concezione umanistica del lavoro propria di Adriano Olivetti, nata e sviluppata dal movimento Comunità e qui pienamente portata a compimento, in cui il benessere economico, sociale e culturale dei collaboratori è considerato parte integrante del processo produttivo”.

Assieme alla città industriale di Ivrea entra a far parte del Patrimonio Unesco anche la città-califfato di Medina Azahara, in Spagna. Semaforo rosso, invece per la candidatura delle Colline del Prosecco, che non ha passato l’analisi de Comitato per poter entrare nell’elenco Unesco (contrari i rappresentanti di 7 paesi sui 21 che hanno dovuto esperimersi: occorrevano infatti due voti negativi in meno per l’iscrizione). L’ingresso delle Colline del Prosecco è però rinviato: l’Italia dovrà specificare meglio alcuni aspetti del progetto prima di ritentare.

La città industriale di Ivrea nel Patrimonio Mondiale dell'Umanità Unesco: è il sito numero 54 per l'Italia
La città industriale di Ivrea nel Patrimonio Mondiale dell'Umanità Unesco: è il sito numero 54 per l'Italia


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Pasqua e domenica gratis al museo: boom di visitatori, ma code di ore
Pasqua e domenica gratis al museo: boom di visitatori, ma code di ore
Nascono gli Archivi sugli Italiens de Paris: per studiare Boldini, De Nittis, Zandomeneghi
Nascono gli Archivi sugli Italiens de Paris: per studiare Boldini, De Nittis, Zandomeneghi
A Spoleto un laboratorio per restaurare le opere colpite dal sisma
A Spoleto un laboratorio per restaurare le opere colpite dal sisma
Perugia, apre al pubblico dopo vent'anni il complesso monumentale della Villa del Colle del Cardinale
Perugia, apre al pubblico dopo vent'anni il complesso monumentale della Villa del Colle del Cardinale
I sindaci del mantovano lanciano un appello per tenere Peter Assmann alla guida di Palazzo Ducale
I sindaci del mantovano lanciano un appello per tenere Peter Assmann alla guida di Palazzo Ducale
Magazzino Italian Art apre un centro ricerche a New York
Magazzino Italian Art apre un centro ricerche a New York



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020