Ecco come sarÓ la nuova maxi installazione di Lorenzo Quinn sul lago d'Iseo


Si tornerà a passeggiare sul lago d’Iseo: dopo Christo, la nuova maxi installazione di Lorenzo Quinn. 

Sul profilo Facebook ufficiale di Lorenzo Quinn è apparso in questi giorni il video di un progetto dell’artista per il lago d’Iseo: due grandi mani che escono dall’acqua e che unendosi sorreggono un globo. Il figlio dell’attore Anthony Quinn ha ideato una nuova installazione artistica, dal titolo You are the world: le due mani saranno realizzate sopra una passerella sulla quale si potrà passeggiare, di fronte alle palafitte di Sulzano (Brescia). 

Nel 2016 il lago d’Iseo era stato protagonista di un altro progetto artistico che ha attirato un numero altissimo di visitatori: The Floating Piers di Christo e Jeanne-Claude, passerelle galleggianti che univano il borgo di Sulzano alla frazione di Peschiera Maraglio a Monte Isola e all’isolotto di San Paolo. 

Il progetto per il lago d’Iseo di Lorenzo Quinn rimanda a un’altra installazione dello stesso artista, Building Bridges, compiuta all’ingresso dell’Arsenale di Venezia nel 2019: sei coppie di mani che, partendo dai due argini, formano una sorta di ponte, come simbolo di unione. 

Il video rendering è stato condiviso anche dal Comune di Sulzano. Sarà un “monumento alla rinascita” ha affermato il sindaco di Sulzano Paola Pezzotti. “Alla fine del 2017 abbiamo parlato con Lorenzo Quinn e, nel febbraio 2018, ci ha portato la sua idea progettuale da realizzare nell’area lacustre di fronte alle Palafitte” ha aggiunto il sindaco. “Sull’immobile era poi stato aperto un bando e il progetto dell’installazione era rimasto fermo. Con il 2021 vogliamo riprenderlo in mano, lavorarci insieme al territorio, perché abbiamo bisogno più che mai di bellezza, di positività, di rilancio per uscire dalla crisi causata dalla pandemia”. “I dettagli del progetto vanno ancora affinati” ha concluso. “Lo studio dei materiali è già stato fatto. Sono convinta sia un dovere delle Amministrazioni lavorare su queste opere per uscire da questo momento buio e di crisi. Inoltre, conoscendo le criticità del nostro territorio, potremo organizzarci al meglio per evitare le difficoltà riscontrate nel 2016. Quest’anno sarà dedicato al lavoro per la realizzazione del progetto, che puntiamo diventi realtà nel 2022. Sarà sicuramente un lavoro di squadra, corale e di territorio: l’obiettivo è il coinvolgimento dell’intero comprensorio in un’ottica di rilancio”.

La maxi installazione sarà tuttavia realizzata dopo il 2021, probabilmente già nel 2022. 

 

Ecco come sarÓ la nuova maxi installazione di Lorenzo Quinn sul lago d'Iseo
Ecco come sarÓ la nuova maxi installazione di Lorenzo Quinn sul lago d'Iseo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma