Massimo Osanna: ”vendiamo i lapilli di Pompei come gadget ai turisti: è valorizzazione“


Provocazione di Massimo Osanna, direttore generale dei musei: vendere i lapilli di Pompei come gadget ai turisti come progetto di valorizzazione.

Vendere i lapilli di Pompei come gadget ai turisti: non è una boutade, ma un’idea di Massimo Osanna, già direttore del Parco Archeologico di Pompei, e oggi direttore generale dei musei italiani. Lo ha detto nel corso della lectio che Osanna ha tenuto mercoledì per l’inaugurazione dell’anno accademico della Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio dell’Università Federico II di Napoli.

“La mia nuova sfida”, ha detto Osanna, “è di portare le best practice pompeiane in tutti i musei e i siti archeologici italiani, con progetti di manutenzione programmata estesa a ogni sito”. E tra le idee che secondo Osanna potrebbero essere percorribili c’è anche la vendita dei lapilli del Vesuvio ai turisti: lo ha detto alla fine del suo intervento, rispondendo a una domanda su eventuali futuri progetti di valorizzazione del materiale dei depositi.

Nei depositi, ha detto Osanna, “ci sono quintali e quintali di lapilli, che adesso sono accumulati nell’area non scavata. A me piacerebbe (non ci sono ancora riuscito) di farci un progetto di valorizzazione: vorrei venderli, come gadget. Bottigliette con i lapilli dentro e venderle. Non ci sono riuscito perché non ho avuto il tempo materiale di dedicarmi, perché è un problema abbastanza complesso, tant’è che a un certo punto c’è stato anche un episodio in cui dovevamo portare questi lapilli in Bulgaria dove c’era il set per il nostro film che si stava realizzando, ma con i funzionari ci siamo bloccati perché abbiamo pensati che li avrebbero bloccati alla dogana. Abbiamo quindi desistito”. I lapilli, ha proseguito Osanna, “prima venivano lasciati alle ditte, che credo ci facessero anche un po’ di lucro, perché è materiale importante per l’edilizia, invece sarebbe bello valorizzarlo anche in questa maniera”.

Nella foto: Massimo Osanna

Massimo Osanna: ”vendiamo i lapilli di Pompei come gadget ai turisti: è valorizzazione“
Massimo Osanna: ”vendiamo i lapilli di Pompei come gadget ai turisti: è valorizzazione“


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma