I Musei Vaticani pesano sul bilancio pontificio: buco da 53 milioni di euro


Difficoltà finanziarie per i Musei Vaticani: a rivelarlo è oggi un articolo di Repubblica, a firma di Paolo Rodari, in cui si spiega che per il 2020 la Santa Sede prevede un deficit di 53 milioni causato in gran parte dai mancati introiti dei musei, e sempre stando alle previsioni il saldo negativo dovrebbe peggiorare a causa degli effetti dovuti alla crisi del Covid, che ha già provocato effetti nefasti ai musei, avendoli costretti alla chiusura per due mesi, con conseguenti entrate zero dalla bigliettazione.

E nonostante la riapertura, i Musei non si sono affatto ripresi: basti pensare che nel mese di giugno i visitatori sono stati circa sessantamila, per lo più romani. Sono mancati quasi del tutto i turisti e gli effetti si sono fatti sentire, perché i Musei Vaticani vengono visitati ogni anno da quasi 6 milioni di persone, con una media di circa 500mila visitatori al mese che salgono nel periodo estivo: quest’anno, dunque, la riapertura ha portato all’istituto circa un decimo dei visitatori abituali di questo periodo. E di conseguenza si sono pesantemente ridotte anche le entrate: giugno 2020 ha portato nelle casse dei musei circa un milione di euro, contro i 12,5 milioni che mediamente i musei incassano in un mese di lavoro normale.

Repubblica ha sentito padre Juan Antonio Guerrero Alves, prefetto della Segreteria dell’economia, che ha comunicto che “fra il 2016 e il 2020 ci sono state entrate medie per 270 milioni l’anno a fronte di circa 320 milioni di uscite”: queste ultime, tuttavia, sarebbero giustificate. Nel bilancio del Vaticano, si legge nell’articolo, essendo un bilancio “di missione” sono previste spese a perdere come quelle relative all’evangelizzazione e alle missioni nel mondo che pesano per un 8,5%. Ci sono poi spese per il personale che assorbono il 45% del bilancio, mentre quelle per la comunicazione ammontano al 15%, e un 10% viene investito per la manutenzione degli edifici. E poi ci sono anche i soldi per le donazioni e per la carità nei confronti delle persone bisognose. E il Vaticano ha visto crescere gli ammanchi dal 2015 in poi: meno trasferimenti dalle ricche diocesi degli USA (a causa dei risarcimenti alle vittime degli abusi sessuali), meno donazioni, rese basse degli investimenti finanziari.

L’auspicio del Vaticano è di ripartire con i musei a pieno regime dal 2021, quando ci si aspetta un rilancio del turismo. E per richiamare visitatori, i Musei Vaticani stanno già approntando alcune novità, come gli orari prolungati fino alle 22 il venerdì e il sabato, l’happy hour del fine settimana con un tour che prevede un “rinfresco” a base di vino nel cortile della Pigna, oppure gratuità speciali come quella che è stata garantita, nel mese di giugno, a medici e infermieri, per lo spazio di una settimana. Iniziative con cui i Musei Vaticani sperano di attirare sempre più visitatori.

I Musei Vaticani pesano sul bilancio pontificio: buco da 53 milioni di euro
I Musei Vaticani pesano sul bilancio pontificio: buco da 53 milioni di euro


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma