Le opere della National Gallery di Londra arrivano nelle strade britanniche: “Alziamo il morale in tempi bui”


La National Gallery di Londra porta i suoi capolavori per le strade del Regno Unito per alzare il morale alle persone durante il confinamento per il coronavirus.

A Londra, le opere della National Gallery escono dal museo e vanno... per strada, sui manifesti lungo le vie delle principali città britanniche. È l’idea del museo londinese per diffondere cultura durante il coronavirus e per dare un segno di vicinanza alle persone: i musei, nel Regno Unito, sono infatti ancora chiusi a causa delle misure di contenimento del contagio del Covid-19, e così, per non far sentire al pubblico la mancanza dei capolavori (ma anche per raggiungere nuovo pubblico), la National Gallery ha avviato una collaborazione con l’azienda Ocean Outdoor, che produce schermi digitali da esterni e ne ha messi a disposizione diversi, e ha portato le opere nelle strade di alcune città. Oltre a Londra, i dipinti della National Gallery arrivano a Birmingham, a Edimburgo, a Glasgow, a Leeds, a Manchester, a Newcastle, a Nottingham, a Southampton.

I quadri scelti sono sette tra i più iconici della National Gallery: i Girasoli di Vincent van Gogh (1888), il Campo di grano con cipressi sempre di Van Gogh (1889), le Ninfee di Claude Monet (1899), il Ritratto dei coniugi Arnolfini di Jan van Eyck (1434), i Bagnanti di Asnières di Georges Seurat (1884), l’Autoritratto con cappello di paglia di Elisabeth Vigée Le Brun (1782), e la Sorpresa! di Henri Rousseau (1891).

“Speriamo che i dipinti rappresentino una vista piacevole per i lavoratori in prima linea, per chi comincia a tornare sul posto di lavoro, e per le persone che fanno la loro attività fisica quotidiana”, dicono dalla National Gallery in una nota. “I benefici per la salute emotiva e mentale dell’arte sono stati riconosciuti da tempo e, attraverso la rete di schermi della Ocean, la National Gallery spera che condividere alcuni dei migliori dipinti della nazione sugli schermi digitali possa rappresentare una forza positiva per il benessere della nazione”.

“Il nostro ruolo oggi, più importante rispetto a qualsiasi altro momento”, afferma il direttore della National Gallery, Gabriele Finaldi, “è quello di garantire l’accesso ad alcune delle opere migliori del mondo per dare alle persone ispirazione e diletto in questi tempi difficili. Dunque, siamo molto grati a questo generoso gesto di Ocean Outdoor che ci consente di portare la National Gallery nelle strade della nazione e raggiungere molte più persone”.

“Questa collaborazione con la National Gallery”, afferma Chris Standish di Ocean Outdoor, “rende concreto il nostro progetto Art of Outdoor. Dopo un periodo così difficile, non posso pensare a un modo migliore per alzare il morale alle persone che scambiano il lockdown con la gioia di frequentare gli spazi all’aperto”.

Nelle immagini, alcuni dei manifesti appesi nelle strade del Regno Unito.

Van Gogh, Elisabeth Vigée Le Brun e Rousseau a Holland Park (Londra)
Van Gogh, Elisabeth Vigée Le Brun e Rousseau a Holland Park (Londra)


Elisabeth Vigée Le Brun a Manchester
Elisabeth Vigée Le Brun a Manchester


Van Gogh a Glasgow
Van Gogh a Glasgow


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER