Norvegia, il governo decide l'abbattimento dell'edificio con i murales di Picasso, che saranno ricollocati


Mercoledì scorso il governo norvegese ha dato il via libera per demolire l’Y Block, edificio di Oslo che ospita alcuni murali di Pablo Picasso (Malaga, 1881 - Mougins, 1973), che l’artista spagnolo disegnò tra la fine degli anni Cinquanta e la fine degli anni Sessanta per i due palazzi che fanno parte del Regjeringskvartalet (“Quartiere governativo”): l’Y Block (del 1968) e l’H Block (del 1959), entrambi progettati dall’architetto Erling Viksjø (importante esponente scandinavo del modernismo in architettura), e così chiamati a causa della forma della costruzione. I murales furono poi materialmente realizzati dall’artista norvegese Carl Nesjar (Larvik, 1920 - Oslo, 2015), collaboratore di Picasso.

L’Y Block era, come l’H Block, sede di uffici governativi (in particolare era sede del Ministero dell’Istruzione), ed è stato pesantemente danneggiato durante gli attentati del 22 luglio 2011, quelli che portarono alla strage di Utoya: l’attentatore, Anders Breivik, aveva piazzato un furgone, un Volkswagen Crafter, nei pressi degli edifici, dopo averlo riempito di esplosivo, e la detonazione aveva fortemente danneggiato l’Y Block, tanto che da allora non è più stato utilizzato e il governo norvegese aveva già pensato di demolirlo (un sondaggio condotto nel 2013 aveva visto il 40% delle risposte esprimersi a favore della demolizione). La decisione per l’abbattimento dell’edificio, per ragioni di sicurezza, era stata presa nel 2014, e al contempo però il governo aveva anche stabilito la ricollocazione dei due grandi murali di Picasso, il Pescatore e il Gabbiano.

La decisione non è stata facile, ed è stata anche osteggiata in quanto l’Y Block rappresenta un’importante testimonianza architettonica degli anni Cinquanta-Sessanta (era stata lanciata anche una petizione contro l’abbattimento, capace di raccogliere 28mila firme). Dopo alcuni rinvii e ritardi è dunque arrivata, mercoledì scorso, l’ultima parola: il governo della Norvegia, si apprende dall’agenzia France Presse, ha valutato che ulteriori ritardi avrebbero comportato aumenti di costi e ritardi nei progetti di ricostruzione. Al momento non è ancora stata decisa una data in cui comincerà la demolizione.

Nella foto: il murale del Pescatore di Picasso sull’Y Block. Ph. Credit Helge Høifødt

Norvegia, il governo decide l'abbattimento dell'edificio con i murales di Picasso, che saranno ricollocati
Norvegia, il governo decide l'abbattimento dell'edificio con i murales di Picasso, che saranno ricollocati


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER