Monterchi: nuovo allestimento per il museo che ospita la Madonna del Parto


Verrà inaugurato il 24 febbraio 2018 il nuovo allestimento del Museo di Monterchi che ospita la Madonna del Parto di Piero della Francesca.

Il 24 febbraio verrà inaugurato il nuovo allestimento del museo di Monterchi (Arezzo), dopo circa un mese di chiusura dello stesso museo. È stata riqualificata in particolare la sala audiovisivi.

La sede aretina ospita uno dei più grandi capolavori di Piero della Francesca: la Madonna del Parto; il nuovo percorso di visita è volto infatti a “incrementare la relazione tra l’opera di Piero e il territorio di Monterchi con il quale vanta da sempre un legame indissolubile con numerosi vicende a riguardo”.

L’intervento è costato circa 50.000 euro ed è stato realizzato dal Comune in accordo con la Soprintendenza.

La direttrice dei Musei Civici di Monterchi, Lina Guadagni, ha affermato: “Dopo il restauro e la relativa mostra del Cinquecentenario questo è il lavoro più importante effettuato per rendere sempre più accogliente e funzionale il luogo che accoglie la Madonna del Parto. Un contributo alla comprensione del legame tra il capolavoro e il territorio è dato dal nuovo filmato, che fornisce molte risposte agli interrogativi dei visitatori. Non posso che compiacermi per il lavoro di squadra effettuato”.

Nel settembre 2017 il Museo ha ottenuto infatti la qualifica di "Museo di Interesse Regionale" e si è aggiudicato il bando della Regione Toscana che ha permesso questo progetto.

Fonte: Ansa - Arezzonotizie

Immagine: Piero della Francesca, Madonna del Parto (1455; Monterchi, Musei Civici)

 

Monterchi: nuovo allestimento per il museo che ospita la Madonna del Parto
Monterchi: nuovo allestimento per il museo che ospita la Madonna del Parto


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER