Uscito il nuovo dpcm: aprono musei e luoghi della cultura nelle zone gialle


Ufficiale: uscito il nuovo dpcm. Aprono musei e luoghi della cultura ma solo nelle zone gialle e solo nei giorni feriali. Possono tornare dunque per ora nei musei i cittadini di Basilicata, Campania, Molise, Sardegna, Toscana e Trentino.

Dal 18 gennaio riaprono i luoghi della cultura: al momento però soltanto nelle zone gialle e nei giorni feriali, dal lunedì al venerdì (esclusi dunque i festivi). Lo stabilisce il dpcm del 14 gennaio firmato ieri sera dal presidente del consiglio Giuseppe Conte, valido per un mese, fino al 15 febbraio. Riaprono dunque i musei e i siti archeologici, che si uniscono a biblioteche e archivi, che avevano già riaperto. Il tutto nel rispetto delle norme che ormai tutti conosciamo: contingentamento, distanziamento, sanificazione e quant’altro. Ecco cosa recita il testo del dpcm:

“Il servizio di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, è assicurato, dal lunedì al venerdì, con esclusione dei giorni festivi, a condizione che detti istituti e luoghi, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico, nonché dei flussi di visitatori (più o meno di 100.000 l’anno), garantiscano modalità di fruizione contingentata o comunque tali da evitare assembramenti di persone e da consentire che i visitatori possano rispettare la distanza tra loro di almeno un metro. Il servizio è organizzato tenendo conto dei protocolli o linee guida adottati dalle Regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome. Le amministrazioni e i soggetti gestori dei musei e degli altri istituti e dei luoghi della cultura possono individuare specifiche misure organizzative, di prevenzione e protezione, nonché di tutela dei lavoratori, tenuto conto delle caratteristiche dei luoghi e delle attività svolte. Sono altresì aperte al pubblico le mostre, alle medesime condizioni previste dalla presente lettera per musei e istituti e luoghi della cultura”.

È questo quanto si legge all’art. 1: la misura riguarda tutto il territorio nazionale, tranne le regioni o le province autonome nelle zone arancioni (art. 2: “scenario di elevata gravità e da un livello di rischio alto”, dove l’accesso ai luoghi della cultura rimane sospeso) o nelle zone rosse (art. 3: “scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto”).

Al momento, dunque, riaprono le porte i musei di Basilicata, Campania, Molise, Sardegna, Toscana, provincia autonoma di Trento (ovviamente solo quelli che saranno in grado di farlo). Rimangono invece chiusi cinema, teatri, sale concerto, palestre.

Nell’immagine: il presidente del consiglio Giuseppe Conte firma il nuovo dpcm.

Uscito il nuovo dpcm: aprono musei e luoghi della cultura nelle zone gialle
Uscito il nuovo dpcm: aprono musei e luoghi della cultura nelle zone gialle


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Agrigento, dopo 55 anni torna nella Cattedrale di San Gerlando il sarcofago di Ippolito e Fedra
Agrigento, dopo 55 anni torna nella Cattedrale di San Gerlando il sarcofago di Ippolito e Fedra
Dal Parco Archeologico di Ostia Antica spunta una testa marmorea
Dal Parco Archeologico di Ostia Antica spunta una testa marmorea
Scovati dipinti falsi attribuiti a Dadamaino
Scovati dipinti falsi attribuiti a Dadamaino
Roma, denunciato turista che cercava di rubare un frammento del Colosseo
Roma, denunciato turista che cercava di rubare un frammento del Colosseo
Le opere di Marino Marini per ora rimangono a Pistoia: il Tar dà ragione al MiBACT
Le opere di Marino Marini per ora rimangono a Pistoia: il Tar dà ragione al MiBACT
La mostra di Ingres devolverà parte del ricavato alla ricostruzione di Notre-Dame
La mostra di Ingres devolverà parte del ricavato alla ricostruzione di Notre-Dame