Pescara, sindaco abbatte fontana a martellate per risolvere problema di degrado


A Pescara il sindaco distrugge una fontana a martellate: questa la sua idea per risolvere un problema di degrado. 

Il sindaco di Pescara, Carlo Masci (Forza Italia) , ha abbattutoaa martellate una fontana in via Silvio Pellico: l’opera era diventata un ricettacolo di rifiuti e versava da anni nel degrado. Distrutto anche un cassone di copertura per tubi idraulici utilizzato come deposito dagli spacciatori. “Quando ci vuole, ci vuole”, ha scritto il primo cittadino su Facebook. “Piazza Martiri Pennesi, manufatto usato dagli spacciatori di droga come deposito. Strada Parco, fontana abbandonata da decenni e inutilizzabile usata come cassonetto dell’immondizia. Adesso non ci sono più” .

Ovviamente il sindaco è stato investito da una pioggia di critiche per aver distrutto un bene pubblico: ora, dicono in molti, gli spacciatori continueranno a spacciare ma Pescara ha una fontana in meno. Molti rimproverano a Masci il fatto di non essersi concentrato sul problema, altri ancora dicono che la fontana era recuperabile, e c’è chi gli fa notare che non è distruggendo che si risolvono i problemi, ma attraverso opere di riqualificazione. E c’è anche chi già paragona queste immagini a quelle dei militanti dell’Isis, anche loro armati di mazza come il sindaco.

Lui però non vuol sentire ragioni. “Le truppe cammellate della fake-news”, dice, “prendono a prestito un gesto contrario al degrado della peggior specie, come l’abbattimento di due manufatti abbandonati da decenni, malridotti e usati come cassonetti dei rifiuti, di siringhe e di droga per inveire e sostenere che io avrei tolto l’acqua a quanti notte e giorno bivaccano in quel punto. Io a questo non ci sto, con la forza che mi danno i tanti miei concittadini che chiedono pulizia, sicurezza e una città più bella. L’abbattimento di quei vecchi manufatti, una fontana di serie e un cassone di copertura di tubi per irrigare, privi di valore, diventa ora un casus-belli evidentemente per puro interesse di bottega. Li l’acqua non scorreva da decenni, i tubi erano inservibili, arrugginiti e pericolosi. Per quanto attiene all’uso del piccone, il mio è stato un gesto simbolico; il sindaco deve e può farlo quando vi sono di mezzo gli interessi della gente, e continuerò a farne altri”. 

Intanto però la notizia, e soprattutto il video del sindaco abbattitore e picconatore, fanno il giro del web. E i commenti sono tutt’altro che benevoli...

Pescara, sindaco abbatte fontana a martellate per risolvere problema di degrado
Pescara, sindaco abbatte fontana a martellate per risolvere problema di degrado


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER