Cinema e teatri, artisti e lavoratori lanciano una petizione per chiedere di non chiuderli


Da Cristina Comencini a Claudio Bisio, da Dori Ghezzi ad Aldo Giovanni e Giacomo: artisti e lavoratori dello spettacolo lanciano una petizione per chiedere di non chiudere cinema e teatri. 

Un gruppo di artisti e lavoratori dello spettacolo (tra i quali Cristina Comencini, Angela Finocchiaro, Dori Ghezzi, Aldo Giovanni e Giacomo, Claudio Bisio, Neri Marcorè, Silvio Soldini e molti altri) hanno lanciato su change.org una petizione rivolta al presidente del consiglio Giuseppe Conte e al ministro dei beni culturali Dario Franceschini per chiedere di non chiudere i cinema e i teatri: il nuovo dpcm approvato oggi, infatti, ha stabilito la chiusura di tutte le sale fino al 24 novembre. Di seguito il testo della petizione (che si può firmare recandosi sul sito change.org).

“Presidente del Consiglio dei Ministri Prof. Giuseppe Conte,
Onorevole Dario Franceschini Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo,

Siamo un gruppo di lavoratori dello spettacolo e della cultura e a viva voce chiediamo che non vengano chiusi cinema e teatri, presidi, in cui sono garantite tutte le norme di sicurezza igienico sanitarie, dal tracciamento dei posti alla sanificazione, al controllo della temperatura e all’uso della mascherina obbligatoria.
Poniamo queste condizioni al di là di tutte le valutazioni e le implicazioni che questa ulteriore serrata comporta per tutto il settore e per il significato e il valore che la cultura deve avere nel nostro Paese”.

Cristiana Mainardi
Lionello Cerri
Sergio Oliva
Marco Cohen
Fabrizio Donvito
Benedetto Habib
Gabriele Salvatores
Patrizia Wachter
Valentina Tua
Delia Parodo
Lorena Borghi
Cristina Comencini
Angela Finocchiaro
Anna Guri
Riccardo Rocco
Silvio Soldini
Claudio Bisio
Neri Marcorė
Minnie Ferrara
Dori Ghezzi
Francesca Comencini
Chiara Lenzi
Marco Paolini
Michela Signori
Piera Detassis
Michela Cescon
Aldo Baglio
Giacomo Poretti
Giovanni Storti
Davide Ferrario
Gianni Canova

Cinema e teatri, artisti e lavoratori lanciano una petizione per chiedere di non chiuderli
Cinema e teatri, artisti e lavoratori lanciano una petizione per chiedere di non chiuderli


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma