A Castelsardo il più grande retablo della Sardegna


Scoperto a Castelsardo, in provincia di Sassari, il più grande retablo della Sardegna. Pochi frammenti ne hanno reso possibile la ricostruzione.

Il più grande retablo della Sardegna è stato scoperto a Castelsardo, in provincia di Sassari. Lo ha annunciato don Francesco Tamponi, direttore dell’ufficio Beni culturali e Commissione per l’Arte sacra della Diocesi di Tempio-Ampurias. “Ripercorrendo le diverse fasi della costruzione della cattedrale di Castelsardo abbiamo ricostruito quello che probabilmente è il più grande retablo in Sardegna” ha dichiarato. 

I temi affrontati dall’opera attribuita all’ignoto Maestro di Castelsardo saranno resi noti venerdì 23 agosto 2019 alle ore 21 presso la Cattedrale di Sant’Antonio Abate; in questa occasione verrà inoltre presentato il volume curato dallo stesso Tamponi dedicato all’opera d’arte.

Un retablo è una grande pala d’altare inquadrata in un’incorniciatura architettonica spesso costituita da scomparti dipinti o in rilievo. Si tratta di un tipo di opera generalmente tipica della Spagna o dell’America Latina

Sull’opera sono state condotte ricerche da esperti e accademici, quali Francesco Delogu e Piercarlo Ricci. Del grande retablo che misurava sette metri di altezza e cinque metri di larghezza sono rimasti solo pochi frammenti, che tuttavia ne hanno permesso la ricostruzione.

“In molti hanno studiato il Maestro di Castelsardo, che possiamo a questo punto considerare la più grande espressione del Rinascimento sardo, ma nessuno l’aveva mai fatto a casa sua, a Castelsardo” ha aggiunto don Francesco Tamponi. Da ciò i ricercatori hanno avuto occasione di determinare tutte le fasi di realizzazione della Cattedrale di Sant’Antonio e tutti i passaggi che l’hanno portata all’aspetto attuale.

Fonte: Ansa

Nell’immagine, la Cattedrale di Sant’Antonio a Castelsardo

 

A Castelsardo il più grande retablo della Sardegna
A Castelsardo il più grande retablo della Sardegna


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma