Museo della Lingua Italiana: al via i lavori entro il 2021. “Sarà il più grande complesso culturale d'Europa”


Presentato il progetto per la realizzazione del Museo della Lingua Italiana che sorgerà nel complesso di Santa Maria Novella. I lavori partiranno entro il 2021.

Presentato dal ministro del MiBACT Dario Franceschini, dal sindaco di Firenze Dario Nardella e dall’assessore alla Cultura del Comune di Firenze Tommaso Sacchi il progetto che porterà alla realizzazione del nuovo Museo della Lingua Italiana, che intende essere "il più grande complesso culturale d’Europa". 

La nuova sede museale nascerà nel centro del capoluogo toscano, nel complesso di Santa Maria Novella, e i lavori di adeguamento di quest’ultimo, per cui il MiBACT ha investito 4,5 milioni di euro, prenderanno il via entro il 2021, in occasione del settecentesimo anniversario della scomparsa di Dante Alighieri. Le successive tappe per la realizzazione del museo prevedono la firma dell’accordo di gestione con il MiBACT, la pubblicazione del bando di progettazione definitiva e esecutiva, l’appalto per l’affidamento dei lavori per portali a termine entro 500-600 giorni dall’inizio del cantiere. 

Il nuovo Museo della Lingua Italiana intende far conoscere e raccontare la storia della lingua italiana, dalla Carta di Capua del 960 a oggi, attraverso grandi letterati, quali Dante, Boccaccio, Petrarca, Ariosto, Machiavelli, Leopardi, Manzoni, D’Annunzio. Sarà un museo che punta alla modernità e alla dinamicità. 

“Il complesso che ospiterà il museo” ha dichiarato Franceschini "è straordinario come è straordinaria la posizione comoda per chi raggiunge Firenze. Chi arriva a Firenze arriva nella città di Dante, nel luogo della lingua italiana, dell’Accademia della Crusca. Al progetto sta lavorando un comitato scientifico di alto livello che oltre al recupero e dell’adattamento del complesso è concentrato sull’esigenza di avere un museo proiettato sul futuro che consenta la memoria ma che anche con l’uso delle tecnologie di essere accessibile, didattico, adatto ai ragazzi e agli studiosi".

Il sindaco di Firenze Nardella ha affermato: "Noi siamo eccitati ed entusiasti di questo progetto che ambisce a essere il progetto più concreto e articolato di tutte le celebrazioni per il 700esimo di Dante. È giusto lasciare dei segni e il museo ha l’obiettivo di lasciare il segno dall’anno prossimo in poi. I lavori partiranno entro il 2021, stiamo correndo per partire nell’anno dantesco". 

L’assessore alla Cultura Sacchi ha aggiunto: "Nel mondo ci sono 65 musei dedicati alle lingue del mondo, un numero alto ma non altissimo. Oggi in Italia nasce per volere del ministro in sintonia con la città il primo museo della lingua italiana: un momento storico, un investimento di cultura e di vita per Firenze e per il paese". 

Ph.Credit 

Museo della Lingua Italiana: al via i lavori entro il 2021. “Sarà il più grande complesso culturale d'Europa”
Museo della Lingua Italiana: al via i lavori entro il 2021. “Sarà il più grande complesso culturale d'Europa”


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma