Recuperati oltre 2mila reperti archeologici magnogreci grazie a indagine dei Carabinieri avviata nel 2019


Una complessa attività investigativa condotta in Italia e all’estero dai Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale avviata nel 2019 ha recuperato oltre duemila reperti archeologici magnogreci. 

A partire da febbraio 2019, una complessa attività investigativa condotta in Italia e all’estero dai Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale e coordinata dalla Procura della Repubblica di Taranto, denominata Operazione Taras, ha portato al recupero di oltre duemila reperti archeologici magnogreci, risalenti al periodo compreso tra il VI e il II secolo a.C, tra cui un elmo ellenistico che è stato ora riconsegnato ai Carabinieri TPC.

L’indagine è stata avviata quando i Carabinieri hanno scoperto che un noto indiziato di reati contro il patrimonio culturale alloggiava periodicamente presso un hotel di Monaco di Baviera, dove portava con sé diversi plichi, contenenti degli oggetti verosimilmente di natura archeologica. È stato così accertato che questa persona partiva in treno da Taranto e, attraversata l’Austria, arrivava a Monaco di Baviera, dove pernottava per poi proseguire il viaggio, sempre in treno, verso Bruxelles.

Le indagini sono state sviluppate grazie anche all’utilizzo di accurate attività tecniche, quali intercettazioni telefoniche e ambientali, registrazioni video, servizi di Osservazione, Controllo e Pedinamento (OCP) in Italia e all’estero, e sono state eseguite numerose rogatorie e Ordini d’Indagine Europei (OIE) verso la Germania, il Belgio, l’Olanda e la Svizzera. Ne è emerso un vasto traffico illecito di reperti archeologici, condotto da un sodalizio criminale ben strutturato e con importanti collegamenti all’estero. Il principale indagato è stato arrestato a Monaco di Baviera a gennaio del 2020 e trovato in possesso di diversi reperti di notevole interesse storico-archeologico. È stato poi nuovamente arrestato a novembre 2021 a Delft, in Olanda, periodo in cui è stato recuperato l’elmo ellenistico oggi restituito. Nei mesi di giugno e luglio 2020, in collaborazione con le Polizie locali, sono state effettuate perquisizioni in Belgio e in Olanda. Un’abitazione di Bruxelles si è scoperta essere la base d’appoggio e il deposito del soggetto arrestato in Germania: lì sono stati sequestrati circa mille reperti archeologici provenienti dall’Italia, prevalentemente dall’area di Taranto e provincia, risalenti al periodo compreso tra il VI e il II secolo a.C.

Contestualmente, sono stati individuati altri importanti reperti italiani da scavo clandestino, commercializzati a Bruxelles presso esercenti di settore inconsapevoli della loro provenienza illecita, nonché un laboratorio specializzato nel restauro di oggetti d’arte antichi a Delft, dove erano stati portati nel tempo diversi beni archeologici per i restauri propedeutici alla loro offerta sul mercato.

L’individuazione di queste figure ha portato a ottobre 2021 a eseguire perquisizioni nella provincia di Taranto presso le abitazioni dei soggetti coinvolti a vario titolo nel traffico illecito, e a sequestrare ulteriori circa 1.000 reperti, riferibili prevalentemente alle aree archeologiche tarantine, insieme a sofisticati metal-detector e a diversi strumenti per sondare il terreno. Sono state deferite tredici persone per associazione per delinquere, ricettazione, scavo clandestino e impossessamento illecito di reperti archeologici.

Durante le varie fasi delle attività investigative sono stati individuati numerosi scavi clandestini in aree archeologiche di Taranto e provincia, localizzando così i probabili siti di provenienza dei reperti sequestrati.

Recuperati oltre 2mila reperti archeologici magnogreci grazie a indagine dei Carabinieri avviata nel 2019
Recuperati oltre 2mila reperti archeologici magnogreci grazie a indagine dei Carabinieri avviata nel 2019


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Protestano i ristoratori: il 28 aprile “apriamo i locali per l'ultima volta”
Protestano i ristoratori: il 28 aprile “apriamo i locali per l'ultima volta”
Concorsone MiBACT, pubblicati gli esiti delle prove preselettive. Poco più di 5.000 gli ammessi allo scritto
Concorsone MiBACT, pubblicati gli esiti delle prove preselettive. Poco più di 5.000 gli ammessi allo scritto
Centro Pecci di Prato, licenziata la direttrice Cristiana Perrella. Che medita le vie legali
Centro Pecci di Prato, licenziata la direttrice Cristiana Perrella. Che medita le vie legali
A dicembre aprirà a Cinecittà il MIAC, Museo Italiano dell'Audiovisivo e del Cinema
A dicembre aprirà a Cinecittà il MIAC, Museo Italiano dell'Audiovisivo e del Cinema
Svelati i nomi dei 22 cantanti che hanno dato voce a L'Infinito di Leopardi
Svelati i nomi dei 22 cantanti che hanno dato voce a L'Infinito di Leopardi
L'Uomo vitruviano di Leonardo da Vinci è tornato in Italia. Si studia la possibilità di esporlo ogni anno
L'Uomo vitruviano di Leonardo da Vinci è tornato in Italia. Si studia la possibilità di esporlo ogni anno