Stipulati regolamento e tariffe per l'organizzazione di eventi agli Scavi di Pompei


Resi noti regolamento e tariffe per l’organizzazione di eventi, come mostre e concerti, presso gli Scavi di Pompei.

Stipulato il regolamento voluto dal sovrintendente Massimo Osanna per l’organizzazione di eventi negli Scavi di Pompei: potranno ospitare mostre, concerti, convegni. Vietati matrimoni e compleanni.

Il regolamento intende rendere chiaro e trasparente il sistema di concessione degli spazi.
“Nulla di nuovo a livello normativo, in quanto è già tutto previsto dal Codice dei Beni culturali, ma finalmente viene messo a regime il sistema di concessione in uso di spazi, attraverso l’individuazione precisa di tutte le aree dei nostri siti che si prestano allo svolgimento di attività o eventi compatibili con il contesto archeologico, la pubblicazione delle relative tariffe e di tutte le condizioni necessarie all’approvazione di un progetto” ha dichiarato Osanna.

Le proposte relative agli eventi saranno esaminate da una commissione costituita da architetti, archeologi e legali al fine di valutare i progetti sotto tutti i punti di vista, soprattutto la compatibilità con il contesto archeologico e la tutela del sito.

Le tariffe previste saranno: 15000 euro per l’Anfiteatro o il Foro, 10000 per la Palestra Grande o per il Teatro Grande, 5000 per il Quadriportico, per la Basilica o per le Terme suburbane.
Chi ottiene la concessione dovrà inoltre pagare gli oneri assicurativi, coprire le spese della vigilanza affidata al personale degli Scavi e garantire la solvibilità con una fideiussione. 

Fonte: Ansa

Photo Credit: Anfiteatro di Pompei

Stipulati regolamento e tariffe per l'organizzazione di eventi agli Scavi di Pompei
Stipulati regolamento e tariffe per l'organizzazione di eventi agli Scavi di Pompei


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER