Ecco come visiteremo i Musei: il MiBACT pubblica le regole. Obbligo mascherina e guanti, distanza di 1,5 m


Ecco come visiteremo i musei: sono state pubblicate le regole per la riapertura da parte della Direzione Generale Musei del MiBACT.

La Direzione Generale Musei del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha pubblicato la dichiarazione congiunta per la riapertura degli istituti e dei luoghi della cultura statali in attuazione del Protocollo di accordo per prevenzione e sicurezza dipendenti pubblici per emergenza sanitaria Covid-19: in pratica, si tratta delle regole che dovremo seguire per visitare i musei e alle quali dovranno anche attenersi i lavoratori degli istituti. Si parla dunque di musei ma anche di parchi archeologici, biblioteche, archivi, complessi monumentali come individuati dall’articolo 101 del Codice dei Beni Culturali. Vediamole nel dettaglio.

Si comincia con le misure da rispettare sia all’esterno sia all’interno dei luoghi della cultura:

  • Obblighi informativi da parte del datore di lavoro nei confronti del personale e di chiunque acceda negli Istituti e luoghi della cultura e nei luoghi di lavoro in ordine in ordine alle misure anti-contagio adottate e circa il rischio epidemiologico in corso, nonché sui comportamenti da tenere in funzione della specificità del sito e della modalità di fruizione che si è deciso di intraprendere. A tal fine, si potrà procedere anche all’affissione di poster/locandine/brochure che pubblicizzano le suddette misure.
  • Per i lavoratori, c’è l’obbligo di indossare dispositivi di protezione individuale monouso (mascherine, guanti in lattice), e in caso di sensibile affluenza del pubblico è obbligatoria anche la visiera protettiva in plastica trasparente (quest’ultima obbligatoria anche per le squadre di soccorso). Il personale del MiBACT deve utilizzare soltanto mascherine con marchio CE.

Queste le misure e procedure da rispettare all’esterno:

  • Presenza obbligatoria di apparati informativi esterni (pannelli o avvisi) contenenti modalità e orari di visita (o di ricevimento del pubblico e delle ditte esterne), inclusa la segnalazione degli obblighi a carico del pubblico;
  • Presenza obbligatoria di dispenser di sapone antisettico e segnaletica sulla loro collocazione;
  • Verifica da parte del personale sul pubblico per accertarsi che sia munito di mascherina e guanti: il personale dovrà fornire i d.p.i. qualora i visitatori/utenti risultino sprovvisti;
  • Progressivo allestimento di termoscanner nei luoghi della cultura ad alta concentrazione di visitatori (cioè con affluenza di più di centomila visitatori l’anno);
  • Progressivo allestimento di dispositivi per la misurazione della temperatura corporea nei luoghi della cultura che vedono la presenza di visitatori fino a centomila visitatori l’anno e negli altri luoghi di lavoro.

Queste le misure da rispettare all’interno dei luoghi della cultura.

  • Obbligo di indossare dispositivi di protezione individuale monouso (mascherine a marchio CE, guanti di lattice) fino al termine della visita per il pubblico e fino alla fine dell’orario di lavoro per i dipendenti;
  • Presenza obbligatoria di dispenser di sapone antisettico e segnaletica sulla loro collocazione;
  • Progressivo allestimento di pannelli in plexiglass per garantire il rispetto del “distanziamento sociale” nella suddivisione degli spazi di lavoro all’interno degli ambienti comuni;
  • Predisposizione di ingressi contingentati nella quantità e nella frequenza, compresa la possibilità di effettuare ingressi su prenotazione, per tutti i luoghi della cultura;
  • Predisposizione di esodi scaglionati nel tempo per evitare la sovrapposizione coi flussi in entrata;
  • Progressivo allestimento di percorsi di visita definiti sia rispetto a temi contenutistici specifici sia rispetto alle dimensioni del sito;
  • Vigilanza sul rispetto del “distanziamento sociale” che dovrà essere di almeno 1,5 metri tra un visitatore e l’altro, sia tramite richiami verbali, sia tramite diffusione di messaggi registrati da trasmettere a intervalli regolari;
  • Nei luoghi confinati ci dovrà essere adeguata ventilazione naturale dei locali e il rispetto delle raccomandazioni in presenza di sistemi di ventilazione e/o condizionamento;
  • Obbligo di utilizzare gli ascensori, gli elevatori o i montacarichi una persona alla volta, con l’obbligo di indossare i d.p.i.;
  • Obbligo di contingentare la presenza del personale nelle aree ristoro/control room/sale regia/sale monitor/ambienti comuni, con sempre l’obbligo rigoroso di indossare i d.p.i.;
  • Obbligo di assicurare l’igiene rigorosa degli ambienti di lavoro (effettuata con i prodotti idonei) con frequenza proporzionata al loro utilizzo, e delle superfici di contatto di eventuali distributori automatici di cibi e bevande;
  • Obbligo di assicurare la frequente gienizzazione dei servizi igienici per dipendenti e utenti;
  • Obbligo di assicurare la pulizia periodica degli impianti di aerazione e di climatizzazione;
  • Obbligo di assicurare la pulizia giornaliera di bagni, ascensori, ambienti cmuni, aree ristoro, control room, sia all’inizio che alla fine dell’orario di lavoro;
  • Obbligo di assicurare la pulizia giornaliera degli ambienti di lavoro, con particolare attenzione degli spazi frequentati durante il cambio turno, delle superfici di contatto;
  • Obbligo di sanificare periodicamente tastiere, schermi touch, mouse con adeguati detergenti;
  • Obbligo di sanificazione immediata qualora venisse rilevato un eventuale contagio da Covid-19;
  • Regolamentare i turni in modo da evitare assembramenti nei corpi di guardia senza un giusto distanziamento;
  • Obbligo di utilizzare i guanti per l’uso di materiali comuni (per esempio penne e matite) e obbligo di sanificazione degli oggetti dopo ogni uso.

Le applicazioni delle norme saranno sottoposte a verifica periodica. Dal momento che le linee guida sono quelle del MiBACT, si appligano ai luoghi della cultura statali (come Uffizi, Galleria Borghese, Pompei, Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, Archivi di Stato ecc.). Questo significa che i musei civici, diocesani o privati potrebbero elaborare delle regole anche profondamente diverse rispetto a quelle appena elencate.

Nella foto: una sala della Galleria Borghese.

Ecco come visiteremo i Musei: il MiBACT pubblica le regole. Obbligo mascherina e guanti, distanza di 1,5 m
Ecco come visiteremo i Musei: il MiBACT pubblica le regole. Obbligo mascherina e guanti, distanza di 1,5 m


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER