Ricostruito lo storico autogrill Villoresi Ovest, capolavoro di Angelo Bianchetti. Ecco com'è


Terminano i lavori di ricostruzione dell’autogrill Villoresi Ovest, edificio del 1958, capolavoro di Angelo Bianchetti.

È stata ricostruita la storica stazione di servizio di Villoresi Ovest, l’edificio del 1958 dalle forme avveniristiche sulla A8 Milano-Varese, capolavoro dell’architetto Angelo Bianchetti (Milano, 1911 - 1994), che era stato demolito a inizio luglio, lasciando in piedi soltanto l’iconica struttura composta da tre archi autoportanti. L’edificio originario è stato ricostruito con una “leggera rivisitazione estetica” (così recita la nota di Autogrill) e con materiali più moderni.

L’obiettivo di Autogrill, fa sapere ancora la nota, era quello “di rendere Villoresi Ovest un’icona contemporanea, per comunicare con forza il legame del Gruppo con la tradizione e al contempo mostrare il meglio delle capacità in termini di servizio, innovazione e sostenibilità”. Il progetto è stato curato dallo studio di architettura Andrea Langhi Design: sono state seguite le proporzioni e le dimensioni originali, all’esterno è stato mantenuto l’enorme tripode ad arco originale, icona storica dell’edificio e progettato per essere visibile da lontano. Nel tripode sono state però installate luci a LED che ne aumentano la visibilità nelle ore notturne e che potranno variare di colore a seconda delle occasioni. L’edificio centrale a forma di tronco di cono alla base del tripode è stato ricostruito con materiali moderni e ad alta efficienza energetica, come i vetri a doppia camera con pellicole filtranti per i raggi UV. La centrale termica è stata spostata esternamente per migliorare l’estetica e la funzionalità dell’edificio.

I materiali utilizzati per l’interno sono quelli della tradizione del design italiano, come il legno di noce, il marmo e l’ottone. L’originale e imponente lampadario a goccia d’ispirazione barocca, al centro dell’area conviviale, nonché uno dei simboli dell’edificio di Bianchetti, è stato restaurato e dotato di lampadine a LED per diminuire l’impatto energetico e per avere un’illuminazione più uniforme, oltre che per facilitare la manutenzione.

Il progetto si è poi avvalso della collaborazione di Cometa, realtà impegnata nell’accoglienza, nell’educazione e nella formazione di bambini e ragazzi in situazioni difficili. Cometa, con la sua “Contrada degli Artigiani” ha realizzato, ad esempio, il grande tavolo in legno di barrique, posizionato al centro del ristorante, sotto il lampadario storico. Il progetto, realizzato per Autogrill, propone inusuali combinazioni di materiali di pregio, antichi o di recupero quali il legno delle botti di vino e gli scarti di lavorazioni del vetro di Murano. Attenzione anche alla sostenibilità: l’edificio è dotato di vetri con elevate performance in termini di isolamento termico, l‘impianto di climatizzazione è costituito da pompe di calore ad alta efficienza energetica per il recupero di calore di condensazione, l’acqua calda viene fornita agli impianti di lavaggio per abbattere del 50% l’utilizzo delle resistenze elettriche. È presente un pozzo che consente di attingere l’acqua piovana da dedicare allo scarico dei bagni clienti e dipendenti, con un sensibile contenimento di consumo di acqua industriale. Le unità di trattamento dell’aria sfruttano il raffrescamento naturale per la ventilazione degli ambienti quando si verificano le condizioni esterne ottimali, escludendo di fatto l’apporto dell’impianto di climatizzazione. La presenza di scambiatori di calore consente inoltre di recuperare il calore d’inverno e il fresco d’estate per il ricambio d’aria. È stato inoltre realizzato un impianto fotovoltaico da 20kW per auto-produrre parte dell’energia necessaria ai servizi erogati nel fabbricato.

Per la pavimentazione e i rivestimenti sono state utilizzate piastrelle Active Ceramic con proprietà certificate battericide/antivirus attive anche nelle ore di buio e capaci di abbattere gli agenti inquinanti. Per gli arredi sono stati adoperati anche materiali risultanti da scarti di lavorazione: per esempio “Wascoffee”, materiale sviluppato e brevettato da Autogrill ottenuto dagli scarti del caffè. Sono realizzati con questo materiale l’isola centrale e le boiserie, e per la prima volta compare anche il materiale “Wasorange”, materiale derivante dagli scarti delle arance delle spremute, utilizzato per i contenitori delle bustine di zucchero presenti nel ristorante come elementi unici di design.

L’azienda ritiene che la stazione di Villoresi Ovest sia strategica e per tale motivo ha anche pensato di fare dell’edificio una delle punte di diamante della sua ristorazione. Insomma, non solo Camogli e Rustichella, ma, fa sapere Autogrill, “uno snack bar con croissant selezionati e farciti in loco e una rivisitazione dei panini con i grandi classici in versione premium, i primi piatti con ricette firmate da grandi chef, come Andrea Ribaldone; un corner steak house interamente dedicato alla griglia; un assortimento di pizza frutto della collaborazione con Renato Bosco e una vetrina dedicata ai dolci di Sal De Riso, per rivivere la tradizione della costiera amalfitana”.

“Villoresi Ovest”, afferma Gianmario Tondato Da Ruos, CEO del Gruppo Autogrill, “è da sempre simbolo di rinascita, già nel 1961 la rivista LIFE lo aveva in copertina a dimostrazione della modernità del nostro paese. Anche oggi vogliamo che il locale rinnovato rappresenti un ponte simbolico tra passato e futuro, un segnale tangibile della volontà di ripartire dell’Italia (e di tutti noi) in questo momento complesso”.

“Nonostante la pandemia Covid-19”, dichiara Andrea Cipolloni, CEO Europe del Gruppo Autogrill, “sia stata e sia tuttora una crisi senza precedenti, Autogrill continua a investire in Italia e guarda al futuro anche grazie allo sforzo dei propri dipendenti, che pur in questa situazione estremamente complicata, hanno continuato a lavorare con professionalità e attenzione al cliente. Il nuovo Villoresi Ovest vuole offrire il meglio dell’esperienza di ristorazione che abbiamo messo a punto in questi anni di rilancio, ed esprime al meglio la nostra visione e la nostra determinazione nel raggiungere risultati sempre più importanti”.

Ricostruito lo storico autogrill Villoresi Ovest, capolavoro di Angelo Bianchetti. Ecco com'è
Ricostruito lo storico autogrill Villoresi Ovest, capolavoro di Angelo Bianchetti. Ecco com'è


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma