Saviano, polemica sul programma di Alberto Angela: “le bellezze di Napoli non sono sfavillanti”


Roberto Saviano polemizza sui commenti attorno al programma di Alberto Angela “Stanotte a Napoli”: duro editoriale dello scrittore napoletano contro una certa narrazione della città.

Roberto Saviano ha gradito poco la narrazione di Napoli offerta da Alberto Angela con la trasmissione Stanotte a Napoli, il programma che il 25 dicembre ha raccontato le meraviglie del capoluogo campano. Il problema, secondo Saviano, è che il programma di Alberto Angela avrebbe trasmesso ai telespettatori di Rai1 un’immagine troppo sfavillante della città: il programma, infatti, si è concentrato solo sulle bellezze partenopee, senza dare spazio ai suoi ben noti problemi. Ma non è comunque Alberto Angela l’oggetto diretto della polemica di Roberto Saviano: l’autore di Gomorra punta semmai il dito contro chi, sui social, ha strumentalizzato il racconto di Alberto Angela per contrapporre una Napoli dorata a quella della criminalità, dal momento che, secondo Saviano, non si tratta di due mondi da leggere in totale opposizione. Non c’è nessuna Napoli delle meraviglie, a detta dello scrittore: o meglio, esiste una Napoli delle meraviglie che è però incessantemente minacciata e messa a repentaglio dalle sue numerose crepe.

Una questione evidentemente chiara agli autori del programma: Alberto Angela ha infatti esordito nei primi minuti del programma, prima ancora della sigla introduttiva, affermando che Napoli è un “organismo costruito nei secoli, un organismo delicato di cui prendersi cura”, nonché “una città antichissima, che ha attraversato i secoli arricchendosi di capolavori, meraviglie, storie e tradizioni ogni volta diversi che la rendono unica. È quindi naturale”, ha proseguito il conduttore, “che costituisca una tappa importante di Stanotte a: naturalmente come tutte le grandi città ha le sue luci e le sue ombre, e spesso le cronache tendono a concentrarsi sulle sue ombre, ricoprendo, in questo modo, le sue luci. Noi di Stanotte a, pur non ignorando le sue ombre, vogliamo mostrare queste sue luci, esattamente come abbiamo fatto con altre città italiane nel passato. Il risultato, come vedrete, è una città molto più luminosa e viva di quanto si creda”. Una posizione che ha poi ripreso anche sui social, immaginando il dibattito che sarebbe nato a seguito della messa in onda del programma: “Napoli è soprattutto luce”, ha scritto il popolare conduttore televisivo sulla sua pagina Facebook. “Ed è proprio questa luce che vogliamo che stasera risplenda, esattamente come abbiamo fatto per le altre città”.

La giustificazione tuttavia non è bastata a Roberto Saviano, che ha parlato di Stanotte a Napoli in un suo durissimo editoriale sul Corriere della Sera, intitolato “Usare le bellezze di Napoli per delegittimarne il male è dare la città all’oppressore”. Aprendo il suo corsivo con la foto del Cristo velato di Giuseppe Sammartino, e ricordando il brutale assassinio di don Peppe Diana e soprattutto le circostanze con le quali i media riportarono la notizia, Saviano ha scritto che “c’è chi può dimenticare la realtà perché in fondo non la frequenta mai davvero e chi invece vi è immerso fino al collo, tanto da non avere la possibilità di analizzarla. Il grottesco è che i primi sono convinti che tutti gli altri possano, come loro, autocompiacersi e autoassolversi grazie alle bellezze di Napoli”. Non è un attacco diretto ad Alberto Angela quanto a chi ha commentato il programma con parole “grondanti bieco classismo e spregio per le condizioni in cui versa la città”.

“La Napoli raccontata da Alberto Angela esiste”, ha proseguito Saviano, “ma non per nostro merito. Sta lì e resiste in un Sud che arranca, perennemente in affanno. Certo, quella Napoli meravigliosa può essere balsamo: ma per chi, mi domando? Per chi può affacciarsi ai terrazzi dei piani alti, perché chi sta sotto non gode di nessun panorama e vive in una città meravigliosa che però ha poco da offrire, anche in termini di diritti, se siamo d’accordo nel considerare lavoro e istruzione diritti. Poi - per carità - possiamo anche decidere che non lo siano e ritenerli semplicemente concessioni. Io provo un sincero dolore quando leggo commenti sulle sfavillanti bellezze di Napoli contrapposte all’oscurità di Gomorra, perché chi ha occhi per vedere sa bene che le bellezze di Napoli non sono sfavillanti, ma piene di crepe e cicatrici, e che la città è costantemente oltraggiata da agguati che avvengono tra i suoi abitanti, mettendone costantemente a rischio l’incolumità”.

Il pubblico in effetti è diviso, tra chi loda Alberto Angela e al contempo critica Roberto Saviano, reo secondo molti di aver gettato fango sulla città col suo Gomorra, e chi invece riprende Stanotte a Napoli per aver volontariamente taciuto sui problemi della città. È presto per dire che lo storytelling di Alberto Angela stia cominciando a incrinarsi, ma è forse sintomo di un piccolo cambiamento negli orientamenti del pubblico?

Saviano, polemica sul programma di Alberto Angela: “le bellezze di Napoli non sono sfavillanti”
Saviano, polemica sul programma di Alberto Angela: “le bellezze di Napoli non sono sfavillanti”


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER