La Francia ha un nuovo ministro della cultura. Chi è Roselyne Bachelot


In seguito alla formazione del nuovo governo di Jean Castex, la Francia ha un nuovo ministro della cultura. Ecco chi è Roselyne Bachelot.

In Francia è nato il governo di Jean Castex, il nuovo primo ministro che ha sostituito Édouard Philippe, dimissionario: la nuova formazione, che ha un asse tendente verso il centro destra, rappresenta il terzo governo della presidenza di Emmanuel Macron. A rimpiazzare il ministro della cultura, Franck Riester, arriva una donna, Roselyne Bachelot. È l’ottava donna nella storia della repubblica francese a ricoprire l’incarico.

Nata Roselyne Narquin a Nevers nel 1946, in possesso di un dottorato in farmacia ottenuto nel 1988 all’Università di Angers, grande appassionata di musica lirica, ha già ricoperto in passato incarichi di pari livello: è stata infatti ministro della salute e dello sport tra il 2007 e il 2010 nel governo Fillon (presidenza Sarkozy), per lo stesso governo è stata ministro della solidarietà e della coesione sociale fino al 2012, e ancora prima, tra il 2002 e il 2004, sotto il governo Raffarin-De Villepin (presidenza Chirac) era stata ministro dell’ambiente. Politica di lungo corso, è stata anche deputata oltre che membro del parlamento europeo. Prima di debuttare in politica all’inizio degli anni Ottanta, ha lavorato come ricercatrice in ambito farmaceutico.

Per Roselyne Bachelot, la nomina a ministro della cultura rappresenta un ritorno alla politica: finita l’esperienza nel governo Fillon, si era infatti allontanata dalla politica e aveva lavorato in televisione e alla radio in qualità di conduttrice di diversi programmi di attualità su varie emittenti. Secondo i media francesi, quella di Roselyne Bachelot è una nomina a sorpresa, perché il suo nome non era circolato nei toto-ministri e perché si escludeva un suo ritorno alla politica: “sempre là, inossidabile, un entusiasmo sempre intatto”, commentano su Le Monde Gérard Davet e Fabrice Lhomme, che la ricordano per le sue gaffe e per la sua sua schiettezza, mentre La Depeche ricorda che la nuova ministra aveva giurato di volerla finire con “l’incubo” della politica e ne ripercorre la carriera, e ancora Le Parisien sottolinea che Bachelot non ha alcun legame con la cultura, al di là della sua passione per l’opera, e che la aspetta una sfida ardua: “riconquistare la fiducia del milieu artistico, molto critico sul suo predecessore nel corso della crisi sanitaria”.

Nelle prime dichiarazioni, Bachelot ha parlato di una “opportunità incredibile”: “la cultura”, ha commentato poco dopo la sua nomina, “è davvero qualcosa che può riunirci, che può dare senso a una società che cerca la sua strada”. E ancora: “quando il presidente della repubblica ha detto che dobbiamo trovare il nostro cammino, ha parlato di economia, sociale, ambiente, e ha messo la cultura allo stesso livello di questi tre ambiti. Ecco, allora io non posso sottrarmi”. Secondo il nuovo ministro, la priorità del suo mandato è “far ripartire i luoghi della cultura: festival, musei, cinema, monumenti storici”.

La Francia ha un nuovo ministro della cultura. Chi è Roselyne Bachelot
La Francia ha un nuovo ministro della cultura. Chi è Roselyne Bachelot


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma