Rubato dipinto di van Gogh nell'anniversario della nascita del pittore


Rubato dipinto di Vincent van Gogh al Singer Laren Museum  nel giorno dell’anniversario della nascita dell’artista. L’opera era in prestito dal Groninger Museum.

Presso il Singer Laren Museum, chiuso al pubblico per emergenza Coronavirus, è stato rubato durante la notte tra il 29 e il 30 marzo un dipinto di Vincent van Gogh. Si tratta del Giardino della canonica a Neuen in primavera, o semplicemente denominato Giardino di primavera, realizzato dal pittore olandese nel 1884 a Neuen, dove abitava con i genitori. L’opera raffigurava infatti il padre dell’artista, in veste di pastore protestante, nel giardino della canonica dove officiava. 

I ladri sono entrati nel museo di Laren rompendo una porta a vetri e hanno portato via il dipinto di van Gogh, proprio nel giorno del “compleanno” dell’artista, nato il 30 marzo 1853. L’allarme sarebbe scattato, ma quando la polizia è arrivata sul posto i ladri erano già scappati. 

L’opera era in prestito dal Groninger Museum e il valore stimato era di circa sei milioni di euro. 

Il direttore del Singer Laren Museum, Jan Rudolph de Lorm, si è detto scioccato e veramente inferocito per la perdita dell’opera, sia per il Groninger Museum che per la sede museale che dirige. “È un dipinto bellissimo e commovente di uno dei nostri più grandi pittori, rubato alla comunità” ha aggiunto.

Immagine: Vincent van Gogh, Giardino della canonica a Neuen in primavera (1884; 39 x 72 cm; Groninger Museum) 

Rubato dipinto di van Gogh nell'anniversario della nascita del pittore
Rubato dipinto di van Gogh nell'anniversario della nascita del pittore


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma