Torna agli Uffizi dopo le mostre il Sacrificio di Isacco di Caravaggio: presto nella lista delle opere inamovibili


Ricollocato alle Gallerie degli Uffizi il Sacrificio di Isacco di Caravaggio. Eike Schmidt ha affermato che presto il dipinto sarà nella lista delle opere inamovibili.

Ricollocato alle Gallerie degli Uffizi il celeberrimo Sacrificio di Isacco dipinto nel 1603 da Caravaggio (Milano, 1571 - Porto Ercole, 1610): l’opera è tornata infatta nella sua sede dopo essere stata concessa in prestito in occasione di due mostre, la monografica su Caravaggio a Milano e quella sull’Eterno e il tempo a Forlì. L’obiettivo adesso è fare in modo che il Sacrificio di Isacco, una delle opere più importanti del periodo romano dell’artista, diventi inamovibile e non sia più concessa in prestito

Il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, ha dichiarato: “In questi ultimi decenni il lavoro di Michelangelo Merisi ha assunto un ruolo di primissimo piano, tanto da divenire una delle opere identitarie del nostro museo. Per questo si sono attivate le procedure che inseriranno presto il Sacrificio di Isacco nella lista delle opere inamovibili”.

Fonte: Ansa

Immagine: Michelangelo Merisi, Sacrificio di Isacco (1603; olio su tela, 105,5 x 136,5 cm; Firenze, Gallerie degli Uffizi)

Torna agli Uffizi dopo le mostre il Sacrificio di Isacco di Caravaggio: presto nella lista delle opere inamovibili
Torna agli Uffizi dopo le mostre il Sacrificio di Isacco di Caravaggio: presto nella lista delle opere inamovibili


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER