Salvarono la vita a un pensionato che ebbe un malore davanti alla Venere di Botticelli, premiati dagli Uffizi


Quattro giovani medici premiati dalle Gallerie degli Uffizi per aver salvato un pensionato colpito da malore davanti alla Venere di Botticelli.

Un premio speciale da parte delle Gallerie degli Uffizi a quattro medici che, lo scorso 15 dicembre, hanno salvato la vita a un pensionato che aveva avuto un malore davanti alla Venere di Sandro Botticelli. I protagonisti della storia a lieto fine sono quattro giovani: Annachiara Pingitore e Jessica De Santis, 28 anni, specializzande in cardiologia, Giovanni D’Agosta e Vittorio Quercia, rispettivamente 29 e 28 anni, entrambi specializzandi in chirurgia plastica. I quattro si trovavano in visita agli Uffizi quando si sono accorti che un 71enne stava male e mostrava gravi sintomi: grazie al loro rapido intervento, l’uomo è stato salvato.

Così, i quattro giovani medici hanno avuto la possibilità di compiere una visita speciale assieme al direttore degli Uffizi, Eike D. Schmidt, che ha illustrato loro personalmente i dipinti del museo. “È stato un vero piacere”, ha dichiarato il direttore, “poter accogliere di nuovo in galleria i giovani medici autori di un gesto così eroico. Spero che tornino presto a trovarci”.

Nella foto, i quattro giovani medici assieme ad Eike D. Schmidt davanti alle Virtù di Piero del Pollaiolo e Sandro Botticelli.

Salvarono la vita a un pensionato che ebbe un malore davanti alla Venere di Botticelli, premiati dagli Uffizi
Salvarono la vita a un pensionato che ebbe un malore davanti alla Venere di Botticelli, premiati dagli Uffizi


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER