Sanremo, presentato il restauro del Forte di Santa Tecla. Diventerà sede espositiva


A Sanremo è stato presentato il progetto di restauro del Forte di Santa Tecla, antica fortificazione sul mare che diventerà sede espositiva.

Sono stati presentati ieri a Sanremo i nuovi progetti per il completamento e il recupero di Forte Santa Tecla, finanziati dal Ministero della Cultura. Ad illustrare i progetti il direttore regionale Alessandra Guerrini e il direttore del Forte Alberto Parodi. Presenti anche il sindaco Alberto Biancheri e l’Assessore alla Cultura Silvana Ormea.

Grazie ad un nuovo finanziamento di tre milioni di euro da parte del MiC (che si sommano ai tre milioni già impiegati per il recupero del piano terreno e delle terrazze) sarà possibile avviare nuovi interventi sul Forte che saranno suddivisi in due lotti: il primo relativo al restauro delle facciate, il secondo alla sistemazione delle aree esterne. Il progetto è stato illustrato dagli architetti Salvatore Simonetti e Francesca Pavani dello Studio Simonetti Architettura di Torino, specializzato nel restauro di edifici storici.

Le facciate saranno oggetto di un delicato intervento di restauro volto al consolidamento e alla conservazione del paramento murario in mattoni e pietra senza tuttavia ledere l’aspetto ormai storicizzato del Forte. Si procederà, in grandi linee, alla rimozione della vegetazione infestante, al consolidamento dei materiali e alla rimozione dei materiali non congrui.

Più complesso il secondo lotto dedicato alla sistemazione delle aree esterne. La Direzione regionale Musei della Liguria, in sinergia con il Comune di Sanremo, ha infatti richiesto ai professionisti di intervenire sul fronte principale del Forte dove l’accumulo di terra nel corso degli anni sta provocando infiltrazioni all’interno del piano terra oltre ad avere compromesso l’originario disegno della facciata che risulta oggi in parte interrato. Non secondaria la necessità di rendere finalmente accessibile anche da parte dei disabili l’ingresso principale al Forte.

Da queste indicazioni è nato il progetto che prevede la liberazione del fronte del Forte dalla terra riporto realizzando una sistemazione gradonata, con rampe, e ampie zone a verde che consenta una nuova e più corretta percezione del Forte ed il suo rapporto con la città. Il disegno complessivo è stato ispirato dal disegno degli antichi spalti, realizzati a metà settecento insieme al Forte e poi demoliti nel corso del XIX secolo. Le aree così recuperate, che verranno riportate alla stessa quota del cortile interno del Forte, potranno essere impiegate anche per esposizioni temporanee e luogo di incontro e sosta, diventando una sorta di cerniera tra l’interno del Forte e Sanremo. Già nel corso del 2023, non appena il progetto riceverà l’autorizzazione da parte della Soprintendenza (con la quale è già stato avviato il percorso di condivisione del progetto già dalle fasi preliminari) si potrà procedere alle gare per l’affidamento dei lavori.

Nell’immagine un rendering del Forte.

Sanremo, presentato il restauro del Forte di Santa Tecla. Diventerà sede espositiva
Sanremo, presentato il restauro del Forte di Santa Tecla. Diventerà sede espositiva


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Ritrovato dipinto di Schiele creduto perduto. Sarà esposto permanentemente al Leopold Museum
Ritrovato dipinto di Schiele creduto perduto. Sarà esposto permanentemente al Leopold Museum
Franceschini risponde agli appelli: “forse non si è capita la gravità della situazione”
Franceschini risponde agli appelli: “forse non si è capita la gravità della situazione”
L'assessore ai giovani della Lombardia indignato per l'esibizione di Achille Lauro a Sanremo
L'assessore ai giovani della Lombardia indignato per l'esibizione di Achille Lauro a Sanremo
In Brasile è in costruzione un Cristo più alto di quello di Rio de Janeiro
In Brasile è in costruzione un Cristo più alto di quello di Rio de Janeiro
Orrico: “L'Arco Borbonico sarà restaurato il prima possibile”
Orrico: “L'Arco Borbonico sarà restaurato il prima possibile”
Addio all'attrice Anna Karina, musa della Nouvelle Vague
Addio all'attrice Anna Karina, musa della Nouvelle Vague