Schmidt: “Tassare i locali di street food. Le strade vanno pulite dall'olio dei panini”


Eike Schmidt lancia una provocazione: tassazione aggiuntiva per i locali di street food, che costringono le persone a mangiare per strada, causando sporcizia nelle città d’arte. 

Il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt lancia una proposta-provocazione contro lo street food, che causa sporcizia nelle città d’arte. 

La proposta sarebbe quella di introdurre “una tassazione aggiuntiva per i locali di street food, insomma quelli che non offrono ai propri clienti spazio e tavolini, ma li costringono a mangiare per strada. La gente che mangia per strada causa dei costi alla collettività perché le strade poi vanno pulite dall’olio dei panini”. Una tassa che sarebbe utile per coprire i costi della pulizia delle strade dopo la consumazione di street food da parte dei turisti. Questo vale per Firenze, ma anche per tutte le altre città d’arte. 

“L’olio del panino e il ketchup non fanno bene alla pietra serena. Bisogna pulire subito altrimenti entra dentro e la macchia. Dobbiamo pulire in continuazione. Noi pensiamo al loggiato, il Comune pensa al piazzale e infatti quest’utimo è messo ancora peggio”, ha commentato il direttore. Ha poi aggiunto che gli Uffizi e il loggiato esterno vengono puliti a spese del museo due volte al giorno per mantenere pulito ed evitare così che la sporcizia macchi. 

Schmidt: “Tassare i locali di street food. Le strade vanno pulite dall'olio dei panini”
Schmidt: “Tassare i locali di street food. Le strade vanno pulite dall'olio dei panini”


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma