Mostra su Botticelli a Rovereto, Sgarbi invita Ferragni ma non Fedez: “troppo etero”


Il 22 maggio si aprirà al Mart di Rovereto la mostra sulla fortuna di Botticelli oggi: Sgarbi, ideatore della rassegna, invita Chiara Ferragni dopo i suoi scatti per gli Uffizi, ma esclude esplicitamente suo marito Fedez: 'troppo eterosessuale'.

Aprirà il 22 maggio al Mart di Rovereto la mostra Botticelli e il suo tempo, nata da un’idea di Vittorio Sgarbi, presidente del museo trentino, e Eike Schmidt, direttore degli Uffizi, e curata da Alessandro Cecchi e Denis Isaia. La rassegna sarà dedicata alla fortuna di Botticelli dal Novecento in poi: dopo un’introduzione dedicata a Botticelli e alla sua bottega (saranno presenti alcuni importanti capolavori dell’artista fiorentino, tra i quali la Pallade e il centauro degli Uffizi, la Venere della Galleria Sabauda di Torino e il Compianto sul Cristo morto del Poldi Pezzoli di Milano), seguirà una sezione in cui la rassegna approfondirà il modo in cui gli artisti del XX secolo, da Mario Ceroli a Renato Guttuso, da Michelangelo Pistoletto a Cesare Tacchi, da Giosetta Fioroni a David LaChapelle, da Fernando Botero a Oliviero Toscani, hanno guardato a Botticelli.

La mostra era stata annunciata mesi fa da Sgarbi, che aveva anticipato la sua intenzione di far dialogare Botticelli con l’influencer Chiara Ferragni, e l’idea di coinvolgere l’imprenditrice cremonese non è ancora tramontata. Secondo Sgarbi, le foto di Chiara Ferragni agli Uffizi testimoniano come il capolavoro dell’arte rinascimentale sia ancora oggi fonte di ispirazione per pittori, fotografi, stilisti e influencer.

Dal museo è dunqeu partito l’invito per Chiara Ferragni, compagna del rapper Fedez, il musicista con cui Sgarbi ha recentemente polemizzato per il suo intervento pro-ddl Zan al concerto del Primo Maggio (secondo il critico e storico dell’arte, quello di Fedez è stato un comizio politico). Ma per lui nessun invito. “Non ho mai parlato con la Ferragni”, ha dichiarato Sgarbi, “e non le ho mai chiesto nulla. Credo comunque che non può che sentirsi onorata di partecipare a una mostra che la affianca alla Venere di Botticelli. Se verrà, sarò ben lieto di accoglierla”. Sgarbi però ritiene che Fedez sia un incomodo: “L’invito, chiaramente, non è esteso a Fedez: troppo eterosessuale. La mostra, del resto, è un incontro tra donne: Venere e Chiara”. Riuscirà Sgarbi a... separare i Ferragnez?

Mostra su Botticelli a Rovereto, Sgarbi invita Ferragni ma non Fedez: “troppo etero”
Mostra su Botticelli a Rovereto, Sgarbi invita Ferragni ma non Fedez: “troppo etero”


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma