A Shanghai il più grande castello Disney in vetro soffiato. Dopo mesi esposto rotto al museo


Dopo mesi il grande castello Disney realizzato con oltre 30mila pezzi di vetro soffiato e accidentalmente rotto è ancora esposto a Shanghai danneggiato.

Immaginate il castello della Bella Addormentata simbolo di Walt Disney interamente realizzato con trentamila pezzi di vetro soffiato? Era stato portato a termine dall’artista Miguel Arribas ed era conservato al Museo del Vetro di Shanghai dal 2016 in seguito alla donazione dello stesso artista, divenendo in questi anni una delle opere più rilevanti del museo. 

Considerata la più grande opera al mondo realizzata in vetro soffiato, l’originale scultura è stimata 64mila dollari: eseguita in cinquecento ore di lavoro, oltre ai pezzi di vetro, l’opera presentava nelle guglie una copertura in oro da 24 carati. 

La scultura però ha subito un grave danno, quando nel mese di maggio due piccoli visitatori del museo hanno rovesciato accidentalmente la vetrina che custodiva l’opera e una parte della scultura è caduta, provocandone la rottura. 

Il museo ha contattato la società dell’artista perché la scultura venga riparata ma, a seguito del Coronavirus, Arribas che vive negli Stati Uniti non può raggiungere la Cina per restaurare la sua opera. Resta quindi ancora rotta nella vetrina

A Shanghai il più grande castello Disney in vetro soffiato. Dopo mesi esposto rotto al museo
A Shanghai il più grande castello Disney in vetro soffiato. Dopo mesi esposto rotto al museo


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma