Svelati i nomi dei 22 cantanti che hanno dato voce a L'Infinito di Leopardi


Svelate le 22 voci misteriose di grandi della musica d’autore italiana che hanno partecipato allo spot Rai per il bicentenario de L’Infinito di Leopardi.

Per celebrare i duecento anni de L’Infinito di Leopardi, capolavoro composto nel 1819, dal 19 al 31 dicembre 2019, tutti i canali Rai e RaiPlay hanno mandato in onda un video a cui hanno partecipato ventidue grandi della musica d’autore italiana. Ognuno di loro ha recitato un verso de L’infinito, ma le ventidue voci non erano state rese note. 

Era un viaggio sonoro e visivo in cui le voci degli artisti accompagnavano l’animazione del manoscritto di Leopardi.

"Sono grato ai grandi della canzone d’autore italiana che hanno accettato il mio invito a leggere L’Infinito di Leopardi per festeggiare il bicentenario di uno dei componimenti più celebri e popolari della nostra produzione poetica. Le 22 voci, donate e anonime, fanno venire i brividi e sono un’unica dichiarazione d’amore per la poesia” aveva commentato il ministro del MiBACT, Dario Franceschini

Ora in un tweet il ministro ha rivelato i nomi delle ventidue voci: “Grazie a Pausini, Zucchero, Giorgia, Vanoni, Paoli, Baglioni, Ligabue, Conte, Zero, Mannoia, Nannini, Turci, Venditti, Morandi, Pravo, Jovanotti, Vecchioni, Fossati, Guccini, De Gregori, Celentano, Mina. Le loro voci insieme un atto d’amore per la poesia”.

A questo link è possibile vedere lo spot.

Svelati i nomi dei 22 cantanti che hanno dato voce a L'Infinito di Leopardi
Svelati i nomi dei 22 cantanti che hanno dato voce a L'Infinito di Leopardi


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER