Il Taj Mahal rischia la demolizione


A causa dell’inquinamento e della muffa, il marmo bianco del Taj Mahal sta diventando giallo. Se non verrà restaurato, rischia la demolizione.

Il Taj Mahal, celebre mausoleo situato ad Agra, in India, dichiarato Patrimonio dell’Umanità, rischia di essere demolito.

A causa dell’inquinamento e della muffa, il marmo bianco con cui è stato eretto l’edificio sta diventando giallo, ma il governo non intende risolvere il problema.
I giudici della Corte Suprema indiana hanno messo alle strette il governo, affermando di demolire il Taj Mahal se non verrà restaurato.

Sembra che in una lettera al governo indiano, i giudici abbiano proposto tre opzioni per la risoluzione del problema: la chiusura del Taj Mahal, la sua demolizione o il suo restauro.

Pare che l’Indian Institute of Technology di Kanpur risolverà il problema, scoprendo l’esatta fonte di inquinamento, e che presenterà nei successivi quattro mesi un piano di intervento. 

Ph.Credit

 

Il Taj Mahal rischia la demolizione
Il Taj Mahal rischia la demolizione


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER