USA, ora i musei possono vendere le loro opere anche per finanziare la cura delle collezioni


Negli USA cambiano le regole del deaccessioning, la pratica che consente ai musei di vendere le loro opere d’arte: finora era consentita solo se il ricavato era destinato ad acquisti di nuove opere, adesso si potrà vendere anche per finanziare cura e gestione delle collezioni.

La Association of Art Museum Directors (AAMD), l’associazione dei direttori dei principali musei degli Stati Uniti, ha cambiato le regole del deaccessioning, la pratica, ammessa nei musei americani, di vendere le opere della collezione se la finalità è quella di acquistare altre opere d’arte, per esempio per colmare una lacuna nella collezione. Dallo scorso 30 settembre non è più così: il deaccessioning viene adesso ampliato, dopo una settimana di discussioni. La modifica al regolamento è stata approvata con 109 voti favorevoli su 130 voti totali (sono 199 i membri con diritto di voto). Le votazioni sono state elettroniche e si sono tenute lungo un arco di quattro giorni. La nuova norma, che interviene sul regolamento delle pratiche professionali nei musei d’arte (documento a cui si attengono tutti i musei americani), consentirà di utilizzare i fondi generati dalla vendita di opere d’arte dismesse per la cura diretta degli oggetti della collezione di un museo: restauri, trasporti, conservazione e altro.

In precedenza, l’articolo 25 del regolamento stabiliva: “I fondi ricevuti dalla dismissione di un’opera dismessa non possono essere utilizzati per operazioni o spese in conto capitale. Tali fondi, inclusi eventuali guadagni e riconoscimenti relativi, possono essere utilizzati solo per l’acquisizione di opere d’arte in modo coerente con la politica del museo sull’uso dei fondi di acquisizione limitati. Al fine di tenere adeguatamente conto del loro utilizzo, l’AAMD raccomanda che tali fondi, inclusi eventuali guadagni e rivalutazioni, siano tracciati separatamente dagli altri fondi di acquisizione”.

L’articolo 25 adesso cambia in questo modo: “I fondi ricevuti dalla cessione di un’opera d’arte dismessa, inclusi eventuali guadagni e riconoscimenti su di essa, possono essere utilizzati solo per l’acquisizione di opere d’arte in modo coerente con la politica del museo sull’uso di fondi di acquisizione vincolati o per la cura diretta delle opere dell’arte. Per cura diretta ai fini della presente sezione si intendono i costi diretti connessi al deposito o alla conservazione delle opere d’arte. Tali costi diretti includono ad esempio quelli per (i) trattamenti di conservazione e restauro (inclusi imballaggio e trasporto per tale conservazione o restauro) e (ii) materiali necessari per la conservazione di tutte le classificazioni di opere d’arte, come carta priva di acidi, cartelle, matboard, cornici, supporti e migrazione dei media digitali. I fondi ricevuti dalla cessione di un’opera d’arte dismessa non possono essere utilizzati per operazioni o spese in conto capitale, salvo quanto sopra previsto. La cura diretta non comprende (a) gli stipendi del personale o (b) i costi sostenuti al solo scopo di allestire mostre temporanee”.

Il processo che ha portato a questo cambiamento è iniziato nel gennaio dell 2022, quando il Board of Trustees di AAMD ha nominato una Task Force per concentrarsi su due questioni. La prima era valutare se raccomandare all’AAMD di modificare il regolamento delle pratiche professionali nei musei d’arte per consentire l’uso dei fondi da deaccessioning per la cura diretta delle collezioni. La seconda, dipendente dalla prima, era quella di proporre una definizione di “cura diretta” se il gruppo pensava che tale cambiamento fosse raccomandato.

“Questo è un importante aggiornamento delle politiche di AAMD, un cambiamento evolutivo che è il culmine di nove mesi di lavoro da parte di una Task Force composta da 18 membri e abilmente guidata da Rod Bigelow del Crystal Bridges Museum of American Art”, afferma Julián Zugazagoitia, Presidente dell’AAMD e direttore del Nelson-Atkins Museum of Art. “Più di un anno prima della pandemia, i membri dell’AAMD stavano discutendo questioni relative alla gestione delle collezioni, riconoscendo che molti all’interno dell’Associazione desideravano maggiore flessibilità e osservando anche che il nostro approccio non era più sincronizzato con i nostri colleghi dell’American Alliance of Museums o le regole emanate dal Financial Accounting Standards Board. Questo cambiamento mirato affronta i cambiamenti richiesti dai membri, assicura che il nostro approccio sia coerente con le norme in tutto il campo museale, e fornisce una guida fondamentale ai membri su come implementare gli standard della ’cura diretta’ se i loro istituti scelgono di farlo”.

“Questo è un buon cambiamento per l’AAMD, poiché riconosce un cambiamento filosofico all’interno dei nostri membri così come i precedenti cambiamenti apportati da importanti istituzioni collegiali come l’AAM”, ha affermato Rod Bigelow, presidente della Task Force e direttore del Crystal Bridges Museum of American Arte. “La Task Force rifletteva diversi punti di vista all’interno dei nostri membri nel loro insieme, il che era essenziale per raggiungere questo risultato, e voglio ringraziare i membri per il loro tempo e l’impegno nel processo. Abbiamo tutti capito che qualsiasi modifica a una regola che questa Associazione ha scrupolosamente custodito per diversi decenni deve essere ristretta e mirata, e ci siamo riusciti. Altrettanto importante è il riconoscimento che questo cambiamento è il soffitto, non il pavimento. Fornisce una certa flessibilità aggiuntiva per i nostri membri se le loro istituzioni lo desiderano, ma non chiede a nessun museo di cambiare la propria politica”.

Nella foto, il Nelson-Atkins Museum

USA, ora i musei possono vendere le loro opere anche per finanziare la cura delle collezioni
USA, ora i musei possono vendere le loro opere anche per finanziare la cura delle collezioni


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Piazze piene, cultura chiusa: al governo un appello per chiedere di gestire la situazione
Piazze piene, cultura chiusa: al governo un appello per chiedere di gestire la situazione
Assurdo a Deruta: si cerca il direttore del prestigioso Museo della Ceramica, ma l'incarico è gratuito!
Assurdo a Deruta: si cerca il direttore del prestigioso Museo della Ceramica, ma l'incarico è gratuito!
Salgado lancia un appello per salvare gli indigeni dell'Amazzonia. “ Rischiano il genocidio”
Salgado lancia un appello per salvare gli indigeni dell'Amazzonia. “ Rischiano il genocidio”
Firenze mette i musei civici a disposizione delle vaccinazioni anti-Covid
Firenze mette i musei civici a disposizione delle vaccinazioni anti-Covid
A Milano una grande mostra su Mario Sironi nel sessantenario della scomparsa
A Milano una grande mostra su Mario Sironi nel sessantenario della scomparsa
Maria Iannotti è la nuova direttrice della Biblioteca Nazionale di Napoli
Maria Iannotti è la nuova direttrice della Biblioteca Nazionale di Napoli