Venezia, ritrovata in campagna una statua romana intera. Era parte di un monumento funebre


È stata rinvenuta, nelle campagne di Quarto d’Altino (provincia di Venezia) una statua romana integra, raffigurante un personaggio maschile seduto, con il gomito poggiato su un ginocchio, il busto proteso in avanti e la schiena leggermente curva, abbigliato con mantello e berretto frigio: è sicuramente una statua proveniente dall’antica città di Altino, uno dei principali centri del Veneto in epoca romana. Gli archeologi della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Venezia e Laguna (subito allertata assieme ai carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale) hanno subito avviato uno scavo stratigrafico per saperne di più sull’epoca a cui risale l’opera e sul contesto del ritrovamento.

Gli archeologi parlano di una scoperta eccezionale: si tratta infatti di una statua che faceva parte di un monumento funebre, come lascerebbe intendere il luogo in cui è stata ritrovata, ovvero nei pressi del tracciato dell’Appia antica, dove si trovava la necropoli di Altino. L’espressione di lutto della figura, colta mentre sta piangendo la persona scomparsa, non lascia campo a ulteriori dubbi.

La statua è già stata liberata dal terreno e adesso è al vaglio degli archeologi della Soprintendenza, che la studieranno in attesa di darle visibilità in un contesto museale. Si parla già di un suo inserimento nella raccolta del Museo Nazionale di Altino.

Fonte: Ansa

Venezia, ritrovata in campagna una statua romana intera. Era parte di un monumento funebre
Venezia, ritrovata in campagna una statua romana intera. Era parte di un monumento funebre


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER