La Reggia di Versailles diventa una mega discoteca. Tutto pronto per il party di musica elettronica


La Reggia di Versailles diventa per un giorno una mega discoteca ospitando ’Versailles Electro’, party di musica eletteronica.

Si chiama Versailles Electro ed è il party di musica elettronica che il prossimo sabato 8 giugno trasformerà la Reggia di Versailles in una mega discoteca. Sul palcoscenico si alterneranno quattro dj della scena elettronica francese (Breakbot x Irfane, Busy P, Myd, So Me) che faranno ballare il pubblico nei giardini di Versailles: la festa, organizzata dalla casa discografica Ed Banger Records, è accessibile secondo varie fasce di prezzo (la più bassa a 22, la più costosa a 160 e include l’accesso alla private lounge, il buffet, il posto macchina nel parco e due coppe di champagne).

“Questa serata senza tempo”, si legge nella presentazione di Versailles Electro, “si inserisce nella tradizione delle feste di Versailles”: e se dunque è scontro tra chi non vorrebbe vedere un museo trasformato in una location per un festival di musica elettronica, dall’altra parte c’è chi sottolinea la continuità storica tra le feste che nella Reggia venivano offerta agli ospiti del re Sole, e la festa attuale, che invece apre le porte a tutti (previo acquisto del biglietto, s’intende).

Nella foto: i giardini di Versailles, teatro dell’evento.

La Reggia di Versailles diventa una mega discoteca. Tutto pronto per il party di musica elettronica
La Reggia di Versailles diventa una mega discoteca. Tutto pronto per il party di musica elettronica


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma