Villa Adriana, per la prima volta aperto al pubblico il Serapeo, uno degli spazi più spettacolari


A Villa Adriana (Tivoli) apre per la prima volta al pubblico il Serapeo, uno degli spazi più spettacolari del complesso.

A Tivoli, Villa Adriana apre per la prima volta al pubblico il Serapeo: la struttura intendeva riprodurre il Serapeo, ovvero il tempio dedicato al dio egizio Serapide, situato nell’antica città egizia di Canopo, e consiste di un grande padiglione a esedra con, al centro, una vasca lunga 119 metri, circondata da un portico con statue. In antico l’imperatore Adriano utilizzava il Serapeo come luogo per feste all’aperto, tanto più che il padiglione era anche arricchito con giochi d’acqua che intrattenevano gli ospiti. Si tratta di uno degli spazi più spettacolari di Villa Adriana.

Il Serapeo è incluso, a partire dal 22 marzo 2019, nel nuovo percorso di visita che svela al pubblico spazi mai aperti prima, tra i quali lo stesso Serapeo, finora inaccessibile per ragioni di sicurezza. Il pubblico potrà anche ammirare dall’alto la volta del Serapeo e avrà la possibilità di osservarlo da uno scorcio inusuale: l’obiettivo è quello di avvicinare lo sguardo del pubblico del 2019 a quello dell’imperatore Adriano. “Se il Teatro Marittimo è la zona privata, intima e riservata di Villa Adriana”, evidenzia il direttore di Villa Adriana, Andrea Bruciati, “il Serapeo è il cuore della mondanità. Entrare nel labirinto di ambienti, cunicoli e sottoscala, è in fondo come entrare nelle stanze del dio. Fino ad oggi il Serapeo ha sempre mostrato la sua facciata, offrendo di sé un’immagine bidimensionale, ora si coglie tutta la profondità, la sua organicità e complessità”.

Gli ingressi al Serapeo saranno contingentati e i visitatori saranno accompagnati dal personale di Coopculture. Per la visita sarà richiesto un biglietto aggiuntivo.

Villa Adriana, per la prima volta aperto al pubblico il Serapeo, uno degli spazi più spettacolari
Villa Adriana, per la prima volta aperto al pubblico il Serapeo, uno degli spazi più spettacolari


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER